lunedì 28 febbraio 2011

La scuola è per tutti: 12mila firme con l'Unità

La scuola è per tutti: 12mila firme con l'Unità

SCUOLA33
E' paradossale e inaccettabile che un presidente del Consiglio, chiamato a incarnare e tutelare la cosa pubblica, attacchi frontalmente la scuola statale pubblica e quindi milioni di persone che in questa credono e alla quale quotidianamente dedicano, in condizioni spesso molto difficili, la loro personale fatica: DIFENDIAMOLA.

FIRMA ANCHE TU 

I PRIMI FIRMATARI

Don Luigi Ciotti - Associazione Libera
Marco Rossi Doria - Scrittore e insegnante
Nicla Vassallo - Professore Università di Genova

Comitato promotore "Se non ora quando"

Luca Formenton - Presidente gruppo editoriale il Saggiatore
Raffaele Cantone - Magistrato
Sofia Toselli - Presidente nazionale del Cidi
Roberto Vecchioni - Cantante e insegnante
Sofia Sabatini - Rete degli Studenti
Simonetta Salacone - Ex Preside Iqbal Mashid
Loredana Taddei - Cgil - Comitato promotore "Se non ora quando"
Valeria Fedeli -
Cgil - Comitato promotore "Se non ora quando"
Vittorio Lingiardi - Professore Università La Sapienza
Evelina Christillin - Presidente Teatro Stabile di Torino
Chiara Valerio - Scrittrice
Mila Spicola - Insegnante e scrittrice

Goffredo Fofi - Scrittore
Luigi Manconi - Presidente di “A buon diritto"

Fabrizio Gifuni - Attore
Moni Ovadia - Scrittore
Sonia Bergamasco - Attrice
Pippo Del Bono - Autore teatrale
Vincenzo Consolo - Scrittore
Lirio Abbate - Giornalista e scrittore
Emma Dante - Regista
Giancarlo De Cataldo - Scrittore e magistrato
Roberta Torre - Regista
Mimmo Pantaleo - Segretario Flc Cgil

Benedetto Vertecchi - Professore Università Roma Tre
Beppe Sebaste - Scrittore

Elena Monticelli - Link Rete universitaria
Mariano Di Palma - Portavoce studenti medie e superiori Uds


***************************

Sconfiggere le menzogne di Mila Spicola
Dopo le accuse di corporativismo, di strumentalizzazione politica, di “fannullonismo” contro i docenti italiani, adesso è uscito allo scoperto: l’oggetto dell’odio del premier è la scuola statale come istituzione. Una rivoluzione ci sta tutta: è giunta l’ora di difenderci sul serio.

Dobbiamo, tutti, difendere la scuola statale italiana dalle menzogne che la stanno sommergendo. Abbiamo bisogno di tutti voi. Abbiamo bisogno di un Benigni che davanti a venti milioni di italiani reciti con il suo splendido carisma: «Art. 33 L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento. La Repubblica detta le norme generali sull'istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi. Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato»; «art. 34 La scuola è aperta a tutti.

L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita». Abbiamo bisogno di un’opposizione che, unita, metta la scuola in cima all’agenda politica e usi tutti gli strumenti parlamentari perché il premier ritiri (e parte le consuete smentite e i “fraintendimenti”) tutto quello che ha detto. Abbiamo bisogno di testimonial che difendano la scuola statale, che possano rompere il muro dei media: scrittori, attori, cantanti, registi, che ci raccontino il brivido di quel giorno, a scuola, nel capire con che dolcezza si può naufragare nell’infinito del pensiero e della libertà umana. Questo giornale dà lo spazio e l’opportunità per farlo. Abbiamo bisogno di tutti voi perché noi, gli insegnanti, in questi anni troppo spesso non siamo stati ascoltati. Abbiamo bisogno di donne e uomini consapevoli e informati, capaci di raccontare per intero la verità della scuola statale italiana tagliata e oltraggiata. C’è il perpetuo allarme del docente precario, ma ci sono anche masse di genitori preoccupati ai quali nessuno ha saputo dare voce. Il nodo centrale è l’attacco alla democrazia e al libero pensiero attraverso l’attacco alla scuola pubblica. Attacco proseguito negli anni inesorabile, con troppi complici. Etiam si omnes ego non. In quanti, rispetto all’indifferenza verso la scuola, hanno saputo dire: «Io no»? «La scuola italiana non educa», dice il premier (e detto da lui suona grottesco, surreale).

Ma cosa vuol dire educare? La scuola fascista aveva come obiettivo principe l’«educazione dei giovani». La scuola statale italiana repubblicana, gioiello di una civiltà avanzatissima, la nostra, istruisce, forma e prepara i cittadini di domani attraverso la trasmissione di un bagaglio di conoscenze, di cultura, il più ampio, corretto, plurale, libero (persino di criticare i maledetti comunisti). Istruisce alla conoscenza delle regole e dei pensieri. Tutti e per tutti. Al plurale, mai al singolare. E lo fa meglio delle private. (Dati Invalsi: senza i funesti risultati delle competenze degli studenti delle scuole private la scuola italiana sarebbe più in alto nella graduatoria europea). Metteteci nelle condizioni di farlo al meglio, non al peggio. Il ministro Gelmini ha approntato una riforma che riflette l’odio e non l’amore per la scuola. Su ufficiale ammissione del suo premier, è fallita miseramente. Si dimetta, allora, e cerchiamo di realizzare una vera riforma che vada incontro alle esigenze del paese intero e dei suoi ragazzi.

***************************

La scuola pubblica educa al pensiero critico.
Per questo Berlusconi l’attacca
di Sofia Toselli*
La scuola pubblica educa al pensiero critico. Per questo Berlusconi l’attacca Adesso basta, basta insulti. La fatica di insegnare e apprendere, la fatica di crescere, merita rispetto, attenzione e cura. E una classe politica che non è capace di capire questa verità elementare e offende e mortifica continuamente la scuola italiana, con ogni atto e con ogni parola da quasi tre anni, fa al paese l’offesa più grande. Qui non si tratta solo di non investire sul futuro dei nostri figli, questo purtroppo gran parte dell’Italia lo ha capito da tempo, qui si tratta, se possibile, di vero e proprio disprezzo. Tutti i giorni gli insegnanti sono impegnati, attraverso il confronto delle idee, nello sforzo di istruire e educare cittadini liberi, colti, capaci di pensiero autonomo. Questo è il compito prioritario della scuola pubblica. Come si fa perciò a dire che gli insegnanti vanno contro l’interesse dei genitori? In realtà si vuole attaccare la scuola pubblica per imporre omologazione, aggredire la Costituzione e in sostanza il futuro democratico del nostro paese.

*Presidente nazionale del Cidi

LE ADESIONI DELLA POLITICA

FIRMA ANCHE TU 

Nessun commento:

Posta un commento