sabato 28 aprile 2012

EDITORIA. FREE PRESS, LA PASSIONE DEI POLITICI LOCALI

EDITORIA. FREE PRESS,
LA PASSIONE
DEI POLITICI LOCALI.

A Roma tre giornali gratuiti per Polverini, Zingaretti e Alemanno. Il nuovo settimanale della governatrice con la pubblicità dei costruttori. Una rivista anche per de Magistris

Fabrizio d'Esposito
per "il Fatto Quotidiano" 27.4.2012


Presidenti, governatori, sindaci di carta. I new media saranno pure gli aguzzini (tra il 2020 e il 2043) del quotidiano old style, ma nelle istituzioni politiche resiste la passione per i giornali di carta. Merito del fenomeno free press, distribuita gratis dovunque. A Roma, per esempio, è diventata una mania che ha contagiato al completo il triangolo istituzionale: Renata Polverini (Regione), Nicola Zingaretti (Provincia), Gianni Alemanno (Comune). La prima e il terzo di destra, il secondo di centrosinistra. Una mania bipartisan che sta sfociando in una guerra.

Ieri mattina, come fa da sei settimane, Adriano Palozzi, giovane sindaco di Marino nonché fedelissimo della governatrice, ha portato in Regione centinaia di copie di Le città, "settimanale gratuito di Roma e del Lazio". Testata rossa che richiama il movimento della Polverini, Città nuove, trentadue pagine formato tabloid, il giornale è imbottito di pubblicità, nonostante la crisi economica. Soprattutto costruttori e cliniche: "Chiara appalti", Co.ge.pre", "Villa Stuart", "Ricasa", "Le Mole Immobiliare", "Mitreo Medica", "AFH Costruzioni", "Ta.ca.ro grande viabilità", "Gestar immobili".

In apertura un aulico editoriale della Polverini intitolato: "Torniamo a condividere il cielo della politica". Il direttore si chiama Daniele Priori ed è un giornalista di destra, ex del Secolo d'Italia, che lavora per l'Associazione Le Città Onlus, che edita il settimanale. Chi paga? L'iniziativa coincide con la campagna elettorale che la Polverini sta conducendo ormai da un mese in tutta Italia, non solo nel Lazio, per le liste del suo movimento che spesso flirtano con l'Udc di Casini. A proposito: con quali auto si muove la governatrice per questi impegni di partito?

Alla Regione Lazio, la Polverini non è l'unica con il pallino dei giornali. L'assessore all'Agricoltura Angela Birindelli è stata indagata per estorsione a mezzo stampa a causa di 18 mila euro stanziati per l'Opinione di Viterbo, giornale locale legato all'Opinione di Arturo Diaconale. Sotto accusa sono gli attacchi a due avversari della Birindelli all'interno del Pdl.



L'ex Ds oggi Pd Nicola Zingaretti, presidente della provincia di Roma, non ha una free press personale. Preferisce investire in pubblicità redazionale su Cinque giorni, quotidiano gratuito di proprietà di Roberto Di Paolo, imprenditore di destra ma nemico dichiarato del sindaco Alemanno. E così Zingaretti è finito in mezzo a una faida del Pdl per 600mila euro spesi dal 2009 a oggi. Con polemiche e interrogazioni consiliari.

Fanno sapere dal suo staff: "La cifra non è di 600 mila euro ma di 400 mila e Cinque giorni è l'unico free press che copre la Provincia e la Capitale. Ci risulta che anche la Polverini fa questa pubblicità, forse con cifre maggiori: perché quelli che ci attaccano non lo dicono? E poi Cinque Giorni esce anche a Milano, dove raccoglie soldi sia dal Comune, dove c'è Pisapia, sia dalla Provincia di Podestà, che è di destra".

Proprio le campagne di Cinque Giorni contro Alemanno avrebbero convinto il sindaco di Roma a lanciare un nuovo free press, su consiglio di Maurizio Costanzo. La testata dovrebbe essere Roma mia e il giornale potrebbe essere abbinato al Tempo o al Corriere dello Sport. Chiaro l'obiettivo: l'anno prossimo si vota anche per le amministrative della Capitale e il sindaco punta al secondo mandato, nonostante le voci di altri candidati che potrebbero unire centro e destra. In ogni caso, al momento, Alemanno è in cerca di imprenditori per finanziare il progetto, forse gli stessi cui voleva far rilevare una testata free press esistente: Dnews, già dello stampatore Farina.

Da un sindaco all'altro, più a sud, a Napoli. Luigi De Magistris ha già annunciato l'uscita di un rivista, settimanale o quindicinale, per informare cittadini e turisti sul nuovo corso della città, passata dai rifiuti al lungomare liberato grazie alle regate dell'America's Cup.

Tra l'altro, la svolta velica di Napoli ha suscitato varie iniziative di pubblicità istituzionale, compresa quella del berlusconiano Panorama, che ha celebrato non solo il sindaco, ma anche il governatore Stefano Caldoro del centrodestra (in forte rottura con il Pdl) e il presidente della Provincia Luigi Cesaro, amico inseparabile del Casalese Nicola Cosentino. Curiosità: l'inserto è stato curato da Giovanni Lucianelli, antico componente di un sodalizio editoriale insieme con Valter Lavitola e Sergio De Gregorio.



Nessun commento:

Posta un commento