lunedì 4 agosto 2014

Sabina Guzzanti su Renzi: è il frutto della trattativa

da controcorrente

Sabina Guzzanti su Renzi: è il frutto della trattativa

schermata1Tutto pronto per il nuovo film di Sabina Guzzanti. “La Trattativa”, questo il titolo, sarà presentato, fuori concorso, al Festival di Venezia. La Guzzanti, come scrive Dagospia, ha già affilato la lingua: “È stata una trattativa fondamentale, un atto fondativo della Seconda Repubblica davvero importante per capire quello che è successo in quegli anni e in quelli successivi – dice la Guzzanti – per capire “passo passo” il progetto di Licio Gelli, i patti con Berlusconi e il fatto che in questo Paese non ci sia stata nessuna opposizione. Anche Matteo Renzi – conclude – non è altro che il frutto di questo accordo”.
Le parole hanno scatenato la reazione del Pd: “È inutile lamentarsi dei numerosi episodi all’estero che speculano sulla mafia per vendere prodotti, come i casi Don Panino e Vino Mafiozo, se poi in Italia ci troviamo di fronti a casi altrettanto deplorevoli come il manifesto del nuovo film di Sabina Guzzanti che appare decisamente irrispettoso dei simbolo della Repubblica, con l’inserimento al centro dello stemma dello Stato di un uomo con coppola e lupara”, dicono i parlamentari PD Michele Anzaldi, Lorenza Bonaccorsi, Federico Gelli, Ernesto Magorno e Nicodemo Oliverio. “Un modo per accomunare tutto il Paese alla cupola mafiosa che offende e appare decisamente fuori luogo”.

Nessun commento:

Posta un commento