giovedì 29 gennaio 2015

L’AMACA del 29/01/2015

L’AMACA del 29/01/2015 (Michele Serra).

CHI ci credeva più, in mezzo alla gran confusione del mondo, che esistessero i buoni e i cattivi? Ai curdi di Kobane, e soprattutto alle loro meravigliose donne in armi e in festa, dobbiamo questa rivelazione. La sensazione di festeggiare davvero una vittoria del bene sul male non è frequente, e a volte si rivela solo un abbaglio ideologico che gli anni si incaricano di smentire. Questa volta no, un esercito di giusti e di liberi ha respinto un esercito di lugubri fanatici, la parola “liberazione” scintilla in tutta la sua semplice potenza. Per giunta, circostanza non comune negli ultimi anni, le armi occidentali hanno fiancheggiato (miracolo!) la parte giusta, a costo di irritare la Turchia che è ampiamente sospettata di parteggiare, in chiave anticurda, per il Califfato.
Nell’ottimo, emozionante reportage a fumetti di Zerocalcare sul numero scorso dell’ Internazionale, la comunità curda di Kobane e dei campi profughi emerge per valore politico ben prima che militare: una comunità di musulmani “riformati” che ha abolito i matrimoni combinati, riconosce pari diritti alle donne, adotta l’autogestione, coltiva la tolleranza. Che l’Isis nutra odio contro quella comunità è perfino ovvio. Un Islam civile e “moderno” distrugge l’idea stessa di “guerra di civiltà” che piace tanto ai fanatici di quella parte e di questa.
Da La Repubblica del 29/01/2015.

Una postilla di Zerocalcare su Kobane

 - Zerocalcare
Zerocalcare
Dopo il suo reportage a fumetti da Kobane, Zerocalcare spiega come aiutare la Staffetta romana e il progetto Rojava Calling.

Nessun commento:

Posta un commento