giovedì 26 febbraio 2015

Opa Mediaset nata nelle stanze del Nazareno? Governo se ci sei batti un colpo

Rai Tre: Renzi alla trasmissione televisiva 'In mezz'ora' (ANSA)

Con quest' aria furbetta Matteo Renzi interviene sulla vicenda Rai way-Mediaset e si limita a dire

'E' operazione di mercato. Ma 51% non si tocca'


poi fa l' occhiolino, con il dito ok, forse rivolto a B., e aggiunge


"E' operazione di mercato, non politica. Il 

governo ha messo delle regole e non intende 

modificarle".

Ma ci prendi per i fondelli?
Questa di B. la si può definire un' operazione di mercato, ma ha soprattutto una connotazione politica.
La fusione dei 2.300 tralicci di Mediaset distribuiti su tutto il territorio nazionale con quelli della Rai, esattamente lo stesso numero di antenne, ma meglio distribuite e tecnologicamente più aggiornate, farebbe nascere un monopolio totale dei sistemi di trasmissione televisiva in Italia. Trattandosi di un mercato libero, il monopolio nelle mani di una società televisiva, cioè di uno dei concorrenti che devono convivere sulla stessa rete, è impensabile in termini di antitrust. 
Questo è politica. 
Non ci si può limitare a dire il 51% non si tocca. Se l' Opa andasse in porto il Biscione realizzerebbe il suo sogno: il controllo dell' etere. 
Questo è politica.
''Tutto questo - afferma Roberto Fico, presidente della Commissione di vigilanza della Rai - può avvenire esclusivamente perché in modo irresponsabile o magari premeditato il governo ha costretto la Rai a fare cassa in tempi rapidi dopo aver tagliato 150 milioni di euro a copertura del decreto Irpef (80 euro) e contestualmente indicando la quotazione in borsa di Rai Way''.
''La strada che si è intrapresa, ai miei occhi, era evidente fin dall’inizio ed è per questo - aggiunge Fico -  che ho denunciato ovunque questa situazione e le sue drammatiche conseguenze. Oggi tutti i giornali titolano di questa mossa a sorpresa di Mediaset, ma qui si sorprende solo chi non guarda, chi si gira dall’altro lato o chi è complice. Questa è la democrazia: incontrarsi in una stanza da soli e parlare di affari ai danni del Paese. L’operazione di trasparenza e di onestà che ha fatto invece il Movimento in quasi due anni di legislatura rimarrà nei libri di storia''.
B. mangia tutto. Infatti, si deve ricordare che nei  giorni scorsi la Mondadori, guidata da Marina, la figlia prediletta dell' ex cavaliere, vuole mangiarsi la Rizzoli.
''L’Opa di oggi - scrive Vincenzo Vita nel Manifesto - ha le sue ori­gini in una scelta che obiet­ti­va­mente espo­neva l’azienda a poten­ziali sca­late. Hic Rho­dus, hic salta: que­sto è il capi­ta­li­smo, dove i buoni si mischiano spesso con i cat­tivi e viceversa. Siamo ad una svolta. Se passa l’Opa il duo­po­lio diventa di fatto un mono­po­lio pro­prie­ta­rio, con un inqui­lino pub­blico che paga l’affitto. Quale riforma della gover­nance della Rai si varerà mai, se il biscione prende il posto del cavallo davanti a viale Maz­zini di Roma?''.
Le Auto­rità com­pe­tenti (Anti­trust, Con­sob, Agcom) e il Mini­stero dell’economia bat­te­ranno un colpo? Il silen­zio non è degli innocenti. Il silenzio è acconsentire al papocchio, forse messo a punto da Renzusconi in uno degli incontri segreti del Nazareno.


Nessun commento:

Posta un commento