mercoledì 25 febbraio 2015

RUBRICHE La carriera dorata del parlamentare, una legislatura frutta 800mila euro

da il manifesto
RUBRICHE

La carriera dorata del parlamentare, una legislatura frutta 800mila euro

Italia. Il parlamento ridotto a camera di ratifica del governo si lega alla crescita degli emolumenti, a partire dagli anni ’90. Oggi lo stipendio netto di un parlamentare è 14 volte quello di un operaio

Non si può certo dire che in que­sti anni il par­la­mento e le altre assem­blee elet­tive siano stati esenti da cri­ti­che severe. Li si è, al con­tra­rio, fre­quen­te­mente (e molto spesso a ragione) fusti­gati per i com­por­ta­menti cen­su­ra­bili dei loro com­po­nenti (basti pen­sare alla fac­cenda dei rim­borsi facili). Sulla que­stione dei «costi della poli­tica» si sono costruite pic­cole e grandi for­tune di opi­nio­ni­sti e forze poli­ti­che inter­preti della pro­te­sta «antipolitica».
Il punto è che sem­pre il discorso si ferma sulla que­stione dei soldi, cioè in super­fi­cie o a metà strada. Si denun­cia il mal­co­stume degli sti­pendi d’oro e degli innu­me­re­voli pri­vi­legi, ma ci si guarda bene dall’interrogarsi sulle cause del pro­blema, sulla sua natura.
Il grande impu­tato in tutti que­sti discorsi è l’immoralità del ceto poli­tico. Che indub­bia­mente c’è e incide. Tant’è che var­rebbe la pena di doman­darsi se sia ancora accet­ta­bile, dopo tante espe­rienze disa­strose, che i par­la­men­tari deci­dano in totale auto­no­mia delle pro­prie remu­ne­ra­zioni e del cor­redo di bene­fici (vita­lizi, rim­borsi ed esen­zioni, coper­ture assi­sten­ziali ecc.) di cui godono. Non è, que­sto, il meno odioso dei nume­rosi con­flitti d’interesse che ci afflig­gono. Resta che, limi­tando il discorso al mal­co­stume dei poli­tici, sfugge la sostanza.
Ciò che non per caso si omette di con­si­de­rare è che sti­pendi d’oro e pri­vi­legi sono essen­zial­mente stru­menti per la cor­ru­zione di quanti ne godono. Cor­ru­zione che deve essere – oltre che denun­ciata – inda­gata nella sua ratio poli­tica. Qui il discorso si salda a quello, avviato qual­che giorno fa su que­ste pagine, sul tra­sfor­mi­smo par­la­men­tare. A guar­dar bene, anzi, si tratta di un unico discorso. Pro­prio come il tra­sfor­mi­smo, gli sti­pendi d’oro e i pri­vi­legi dei par­la­men­tari ser­vono in primo luogo ai governi per ridurre in sog­ge­zione il par­la­mento. Che ciò avvenga con l’attiva con­ni­venza dei par­la­men­tari mede­simi non è un’obiezione. Ciò rende que­sti ultimi com­plici di un pro­cesso letale per la demo­cra­zia. Ma la sostanza evi­den­te­mente resta. E chia­ri­sce la natura poli­tica della «que­stione morale», sulla quale aveva cer­cato di attrarre l’attenzione ai suoi tempi Enrico Ber­lin­guer, restando ovvia­mente inascoltato.
C’è una prova incon­fu­ta­bile di que­sto nesso: la pro­gres­sione sto­rica degli emo­lu­menti dei par­la­men­tari, da leg­gersi in stretto rap­porto con il modi­fi­carsi del rap­porto tra par­la­mento e governo all’alba della «seconda Repub­blica». La car­riera dei par­la­men­tari diventa un affare d’oro in senso stretto pro­prio negli anni Novanta, quelli delle rovi­nose «riforme isti­tu­zio­nali» (mag­gio­ri­ta­rio e bipo­la­ri­smo) che avreb­bero dovuto dare effi­cienza al sistema per garan­tire la «gover­na­bi­lità» del paese. C’è un filo rosso (o nero) a col­le­gare tutte que­ste riforme, un filo che ne dichiara l’anima pidui­sta. Il par­la­mento doveva essere messo in mora: biso­gnava a tutti i costi ridurne l’autonomia e la capa­cità di inter­fe­rire cri­ti­ca­mente nell’azione di governo. A que­sto fine si è prov­ve­duto a «sem­pli­fi­care» la com­po­si­zione poli­tica delle Camere (tagliando soprat­tutto «l’ala sini­stra» dello schie­ra­mento poli­tico) e a con­se­gnare alle segre­te­rie dei par­titi il potere di nomina degli «eletti». Men­tre si è venuta con­fe­rendo al governo anche gran parte della fun­zione legislativa.
Ebbene, non è un caso che, pro­prio men­tre si intro­du­ce­vano tali modi­fi­che (che smon­ta­vano di fatto il sistema par­la­men­tare dise­gnato in Costi­tu­zione), si siano ver­sati fiumi di denaro nelle tasche degli «eletti», con il risul­tato di tra­sfor­mare lo sta­tus del par­la­men­tare in una con­di­zione di asso­luto pri­vi­le­gio, con­ser­vare la quale è dive­nuto per tanti un fine in sé, di gran lunga prio­ri­ta­rio rispetto ai com­piti pre­scritti dal ser­vi­zio della rap­pre­sen­tanza demo­cra­tica. Oggi lo sti­pen­dio netto di un par­la­men­tare ita­liano è circa 14 volte quello medio di un ope­raio e 11 volte quello di un inse­gnante, men­tre fino alla metà degli anni Novanta il rap­porto era rispet­ti­va­mente di 8 e di 6 a 1 (già molto ele­vato ma forse non ancora scan­da­loso). La retri­bu­zione media netta dei par­la­men­tari ita­liani si è rad­dop­piata in ter­mini reali, pas­sando dall’equivalente di 7mila euro men­sili alla bel­lezza di 14mila euro. Ragion per cui oggi, a un sem­plice par­la­men­tare, una legi­sla­tura frutta almeno 800mila euro, incom­pa­ra­bil­mente di più di quanto possa por­tare a casa in un’intera vita di lavoro un ope­raio o un impie­gato che abbia la for­tuna di lavo­rare continuativamente.
In que­sto sce­na­rio va letta anche la norma che regola la con­ces­sione dei vita­lizi. Era cer­ta­mente inac­cet­ta­bile quanto avve­niva in pas­sato, quando si per­ce­piva il vita­li­zio non appena si ces­sava dalla carica, a qua­lun­que età e indi­pen­den­te­mente dal periodo tra­scorso in par­la­mento. Per ovviare allo scon­cio si è giu­sta­mente dif­fe­rita l’erogazione del vita­li­zio al com­pi­mento del ses­san­ta­cin­que­simo anno di età e la si è con­di­zio­nata alla per­ma­nenza in carica per almeno un’intera legi­sla­tura. Ma l’effetto per­verso è che tenere in vita le legi­sla­ture è quindi diven­tato un fine in sé, indi­pen­dente da qual­siasi ratio poli­tica. Il par­la­mento in carica pre­serva se stesso per garan­tire i pri­vi­legi agli «eletti», senza che ciò abbia neces­sa­ria­mente rap­porto con la dia­let­tica poli­tica tra le forze rappresentate.
Se tutto que­sto è vero, appare evi­dente come que­sta ver­go­gnosa «poli­tica dei red­diti» dei par­la­men­tari sia stata la via regia della cor­ru­zione, per­cor­rendo la quale è stato con­se­guito (senza modi­fi­care la Costi­tu­zione for­male) un risul­tato ana­logo a quello che il fasci­smo aveva otte­nuto per via legi­sla­tiva tra il 1925 e il ’26. Anche con que­sti mezzi (oltre che modi­fi­cando leggi e rego­la­menti) si è riu­sciti a ridurre il par­la­mento al rango di col­la­bo­ra­tore subor­di­nato del governo, a sua camera di rati­fica. In que­sto stesso qua­dro si col­loca il tra­sfor­mi­smo par­la­men­tare. Del quale è pos­si­bile com­pren­dere la ricor­renza e misu­rare gli effetti poli­tici sol­tanto tenendo pre­sente tale sce­na­rio complessivo.

Moti­vati dai ric­chi emo­lu­menti e dai pri­vi­legi dello sta­tus, molti par­la­men­tari vogliono soprat­tutto per­si­stere nel pro­prio ruolo. Di qui la forte pro­pen­sione a cam­biare col­lo­ca­zione poli­tica, al duplice scopo di «sta­bi­liz­zare» la legi­sla­tura e di garan­tire a se stessi rela­zioni più pro­fi­cue in vista della rie­le­zione. Avva­len­dosi di tale stato di cose, i governi a loro volta si sba­raz­zano di un potere auto­nomo con­cor­rente, dive­nendo arbi­tri mono­cra­tici della dina­mica poli­tica. In que­sto qua­dro dav­vero la dia­let­tica par­la­men­tare si riduce a un’opera di tea­tro: alla litur­gia di un par­la­mento che simula lo svol­gi­mento delle pro­prie fun­zioni. Denun­ciare tale stato di cose non è, come forse si ritiene, mora­li­smo. È il solo modo alla nostra por­tata per con­tra­stare l’agonia della demo­cra­zia parlamentare.

Nessun commento:

Posta un commento