venerdì 6 marzo 2015

I voli di Renzie? 6.000 ore. Ecco quanto ci costano!

Qualche giorno fa ha fatto scalpore l'atterraggio di fortuna del #Renzicottero che doveva portare Renzi da Roma a Firenze, la stessa tratta che il Presidente Mattarella ha fatto comodamente in treno. Il generale Tricarico ha spiegato che Renzie e i suoi ministri hanno accumulato 6.000 ore di volo nel 2014 e ha rivelato QUANTO CI COSTANO
"6.000 ore di volo. Un’enormità, e non c’è da stupirsi visto l’uso che ne fa Matteo Renzi. Seimila ore di volo vuol dire che 16 ore e mezzo al giorno c’è un aereo che scorrazza per i cieli del mondo o con lui, o con qualche ministro. Non c’era bisogno che il presidente del Consiglio si facesse sorprendere da un temporale sull’elicottero: nel corso della campagna elettorale, prima delle Europee, fece coincidere a ogni visita un comizio elettorale. Per non parlare di Courmayeur e delle vacanze di Natale Vanzina style. La cifra arriva da una fonte più che autorevole: il generale Leonardo Tricarico che, tra gli innumerevoli ruoli, ha ricoperto anche quello di capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, consigliere per la Difesa a palazzo Chigi ai tempi del governo Prodi e oggi guida un think tank (Icsa) che si occupa di difesa, intelligence e strategie militari. "Le seimila ore di volo sono troppe. Purtroppo, a parte brevi parentesi, non c’è mai stata una trasparenza: il riserbo sull’uso degli aerei è storicamente impenetrabile. E i nostri studi, come Icsa, sono sempre stati complessi. Purtroppo nascondersi dietro alle ragioni di sicurezza non basta. Non ci sono le ragioni di sicurezza che tutti vanno in giro a sbandierare, e non sono io a dirlo, ma i rapporti che i nostri servizi segreti consegnano al governo e alle autorità competenti ogni sei mesi". SEIMILA ORE di volo vuol dire un costo che si aggira attorno ai 50 milioni di euro ogni anno, e solo un quarto viene pagato dalla presidenza del Consiglio all’Aeronautica nei tempi stabiliti. [...] Il risultato è una bella flotta vip a disposizione di Palazzo Chigi: otto velivoli ad ala fissa e due elicotteri, cui si aggiungono due jet in pool appartenenti all’amministrazione Difesa. Tre Airbus (1 da 48 posti e 2 da 36), sette Falcon (da 9, 12 e 16 posti), due elicotteri Agusta AW 139. Tutti moderni, con allestimenti di lusso, televisori al plasma, poltrone in pelle, tavoli in radica da lavoro, letti per il riposino, e toilette che non sono uguali a quelle degli aerei di linea. Per le solite ragioni di sicurezza (ma su questo punto Tricarico è drastico: "Oggi al massimo i politici rischiano lancio di uova o pomodori") non è possibile conoscere gli spostamenti del presidente del Consiglio, quello della Repubblica, del presidente della Corte costituzionale e quello di Camera e Senato, il ministro degli Interni, ma i voli restano, in teoria, grazie a un provvedimento firmato da Berlusconi dopo che sugli aerei erano stati fotografati olgettine e canzonettisti di corte, trasparenti." leggi l'articolo integrale
I costi del renzicottero
Altro che ragioni di sicurezza! Qua si tratta solo di ostentazione del potere, alla faccia dei 10 milioni di italiani che vivono in condizioni di povertà.
Intanto il M5S ha raggiunto un importante risultato! E' attivo il #Microcredito5Stelle che permette a chi ha un'idea imprenditoriale di accedere a un prestito fino a 25.000 euro: SCOPRI COME PUOI AVERE IL PRESTITO. Spero che ti sia utile per realizzare il tuo sogno imprenditoriale.
Grillo Flash,

Beppe Grillo

Nessun commento:

Posta un commento