domenica 8 marzo 2015

IL PUGNO DI FRANCESCO A CL: “NON COMPIACETEVI TROPPO”

IL PUGNO DI FRANCESCO A CL: “NON COMPIACETEVI TROPPO” (Marco Politi).

I devoti
IL PONTEFICE ACCUSA COMUNIONE E LIBERAZIONE DI AUTOREFERENZIALITÀ.
Città del Vaticano – Dio non paga il sabato, dice il proverbio. Ma poi il conto arriva. È passato il pontificato di Giovanni Paolo II e quello di Benedetto XVI e Comunione e liberazione si gonfiava di orgoglio per essere tra i “giusti”, in prima linea nel combattere i “mali” del mondo, nell’attaccare i “nemici” della fede, nell’accusare i cattolici più pensosi o critici di essere “tiepidi”, filoprotestanti, eretici, succubi del relativismo, paurosi. Loro erano i combattenti di Dio, gli altri erano gli infedeli o, se cattolici diversamente pensanti, gente debole nella difesa dei principi “non negoziabili”. Loro si sentivano l’avanguardia eletta, se c’era da far barriera al testamento biologico, la fecondazione artificiale, le unioni di fatto.   Poi sono venuti gli scandali lombardi, si è aperto il coperchio su intrecci politici-affaristici che poco odoravano di incenso.
E Roberto Formigoni, detto il Celeste, rimasto l’unico in Italia convinto che i cittadini normali credano alla favola dei lobbysti che gli pagano le vacanze a migliaia di euro, “ma – grida il Celeste furioso – non è vero, tra amici c’è chi anticipa e poi si paga alla fine, senza ricevute”. A insaputa evidentemente di chi aveva anticipato.  FINCHÉ la tunica lacerata della vanagloria è diventata così inguardabile che nel 2012 il successore di Giussani, Julian Carron, ha confessato pubblicamente via stampa: “Chiediamo perdono se abbiamo recato danno alla memoria di don Giussani con la nostra superficialità e mancanza di sequela”. Il conto è arrivato ieri mattina in Vaticano sotto forma di predica del Papa ad un incontro con Comunione e liberazione nel decennale della morte di Giussani. E il mite Francesco, con l’eleganza antica di chi sa maneggiare la penna e la parola nella Compagnia di Gesù, ha stilato l’elenco dei vizi ciellini. Madamini, il catalogo è questo! “Quando io metto al centro il mio metodo spirituale, io esco di strada – ha spiegato – Quando siamo schiavi dell’autoreferenzialità finiamo per coltivare una spiritualità di etichetta: ‘Io sono Cl’… e poi cadiamo nelle mille trappole che ci offre il compiacimento… quel guardarci allo specchio che ci porta a trasformarci in meri impresari di una ong”. La strada della Chiesa, ha soggiunto Francesco, è andare a cercare i lontani, i senza fede, anche i delusi dalla Chiesa. Ed è essenziale “saper ascoltare chi non è come noi, imparando da tutti, con umiltà sincera”. Un breve catechismo di ciò che Cl non è mai stata. Guai a diventare adoratori del proprio carisma, ha lasciato intendere il pontefice argentino. Guai a lasciarsi pietrificare. “È il diavolo quello che ‘pietrifica’”, ha sottolineato. E con accento lieve ha aggiunto: “Non dimenticare!”.   FRANCESCO ha citato il fondatore di Cl, don Giussani, per fissare due principi. Il cristianesimo non consiste nella difesa di posizioni fisse contrapposte al nuovo come pura antitesi. Non è (possiamo tradurre in linguaggio semplice) né guerra di trincea né farsi truppe d’assalto. E soprattutto, sempre citando Giussani, papa Bergoglio ha rimarcato che oggi la cosa fondamentale è agli aspetti elementari, originali del cristianesimo. Seguire la morale cristiana, ha illustrato il pontefice, non è esibire uno sforzo titanico di coerenza “in una sorta di sfida solitaria di fronte al mondo”. È commuoversi di fronte a Dio, che conosce i tradimenti dell’uomo e gli vuol bene lo stesso e lo abbraccia. E qui Francesco ha preso simbolicamente per mano tutti coloro, che nella gerarchia, nel clero, nei movimenti si sentono militanti e militari di fronte alla società contemporanea – e perciò resistono alla sua immagine di Chiesa “ospedale da campo” – e ha sussurrato con la sua cadenza latinoamericana, indicando la rotta del cattolicesimo nel XXI secolo: “Dicevo nei giorni scorsi ai nuovi cardinali: la strada della Chiesa è quella di non condannare eternamente nessuno, di effondere la misericordia di Dio a tutte le persone che la chiedono con cuore sincero, di uscire dal proprio recinto per andare a cercare i lontani nelle periferie dell’esistenza”. Il Vangelo di Francesco è questo. I ciellini saranno disposti ad ascoltarlo? Certo, se facessero orecchie da sordi, sarebbero in numerosa compagnia.
Da Il Fatto Quotidiano del 08/03/2015.

Nessun commento:

Posta un commento