lunedì 30 marzo 2015

La Grecia si prepara a lasciare la zona euro

da l'antidiplomatico

La Grecia si prepara a lasciare la zona euro

La Grecia si prepara a lasciare la zona euro

Il doppio mandato di rimanere all'interno della zona euro e, allo stesso 

tempo, porre fine all'austerità è di fatto un mandato vuoto


Se una cosa è diventata evidente dopo che Syriza è stata eletta per formare un governo il 25 gennaio è che il partito non è 'radicale' o 'estremista'. Tutto ciò che Syriza ha fatto fino ad oggi, quando si guarda da un punto di vista oggettivo, è quello di drizzare le antenne, cercando di capire ciò che il resto della zona euro avrebbe fatto, scrive Raul Ilargi Meijer sul blog The Automatic Earth. 

 
Tutto questo perché, naturalmente, la Grecia (attraverso Syriza) si appresta a lasciare la zona euro.  Gli effetti e le conseguenze di un tale passo sono in discussione, non si fermano. Sarebbero sciocchi se non avessero queste discussioni. E naturalmente ci sarà un referendum ad un certo punto.
 
C'è solo che un grande avvertimento: Syriza insiste sul bisogno di un mandato dai suoi elettori per tutto ciò che fa, seinginocchiarsi ai signori dell'UE o allontanarsi da loro. Al momento, tuttavia, non ha un mandato per nessuna di queste azioni.
 
Il meglio che può fare è trascinare i negoziati per quanto si può, e lasciare che l'Europa apertamente affermi il suo potere superiore percepita sulla popolazione greca quanto vuole, con più richieste di austerity, più tagli di bilancio, più vendite di asset. Tsipras e il suo popolo lasceranno che tutto questo vada avanti fino a quando i greci non saranno ancora più stufi di Bruxelles di quanto già non lo fossero quando hanno eletto Syriza.
 
E' un gioco sottile, ma è l'unico per Tsipras e il suo equipaggio. Anche se sapevano che il tentativo di negoziare un accordo con la Germania e gli altri sarebbe stata una causa persa prima dell'inizio dei colloqui, Syriza doveva passare attraverso quella fase fino a quando non fosse stata sicura che il popolo della Grecia fosse stato pronto a votare in un referendum sull'appartenenza alla zona euro. 
 
Un gioco rischioso, dal momento che potrebbe riportare in auge la  'vecchia guardia'  che ha governato il paese per decenni e che erav disposta a cooperare con la Troika, ma allo stesso tempo l'unico disponibile.
 
Tsipras deve spiegare al popolo greco che il doppio mandato di rimanere all'interno della zona euro e, allo stesso tempo porre fine all'austerità è di fatto un mandato vuoto, perché la zona euro si rifiuta di permetterlo.
 
Ha bisogno di spiegare che questo significa che la zona euro si rifiuta di riconoscere i valori democratici di uno dei suoi Stati membri, che ha votato per cambiare la politica. Bruxelles sta in effetti dicendo quotidianamente al popolo greco che non conta. Questo è quello che Tsipras deve chiarire, e poi si può indire il referendum.
 
Dovrebbe essere ovvio che questo mandato cambia le potenziali azioni da parte di Atene ma,  anche all'interno di Syriza, forse alcuni non capiscono cosa sta succedendo. Giudicate voi:
 
 
Stathis Kouvelakis, che insegna teoria politica al Kings College di Londra ed è membro del comitato centrale di Syriza, sostiene che il partito deve affrontare la realtà del mancato rispetto delle promesse elettorali e la natura delle forze schierate contro di essa. In particolare, Kouvelakis prende atto delle misure successive adottate dalla BCE per limitare il flusso di liquidità per l'economia greca, chiudendo o limitando l'accesso greco a vari tipi di finanziamento della BCE.
 
"Dovrebbe essere chiaro, tuttavia, che queste mosse dovrebbero determinare una dinamica che violerebbe i vincoli fondamentali dell'Unione monetaria e porterebbe inevitabilmente verso l'uscita da esao", ha scritto Kouvelakis nel suo ultimo post su Jacobin. "In ogni caso, il ricatto implacabile della BCE con la sua offerta di liquidità pone all'ordine del giorno il problema di recuperare la sovranità in materia di politica monetaria." Era la morsa che ha spinto Tsipras in una recente intervista con Der Spiegel a fare riferimento alla BCE "che ha ancora la corda è intorno al collo della Grecia".
 
Ma Kouvelakis sostiene che continuare a rinominare la troika "istituzioni", o utilizzando "ambiguità creative" non risolverà il problema. L'euforia iniziale per la vittoria di Syriza è rapidamente svanita, ma può essere rianimata, dice, se il partito affronterà la realtà. "Perché questo accada, però, il corno della battaglia deve suonare di nuovo e la lotta deve essere condotta con la dovuta serietà e determinazione, non con acrobazie e contorsioni retoriche. "
 
Kouvelakos cita le parole de ministro dell'Interno Nikos Voutsis all'inizio di questo mese al Parlamento greco, quando ha detto "il paese è in guerra, una guerra sociale e una guerra di classe con i finanziatori" , e che in questa guerra "non andremo come scout allegri disposti a continuare le politiche del memorandum". Questo è il genere di discorsi che il mondo ha bisogno di sentire da funzionari greci, dice Kouvelakis, "non il linguaggio del facile ottimismo che crea illusioni e provoca confusione che domani potrebbe rivelarsi costoso."
 
Kouvelakis ragiona da un punto di vista che non è coperto dal mandato attuale di Syriza. Lui dovrebbe saperlo. Tsipras non può permettersi di essere visto dalla popolazione greca come l'uomo che non ha fatto tutto il possibile per mantenere il paese nella zona euro mentre cercava di negoziare la fine dell'austerità. Non fa differenza, a questo punto quali sono le sue idee personali sulla questione.
 
Kouvelakis sceglie di lasciar prevalere le proprie opinioni personali. Se Tsipras facesse lo stesso, un referendum sarebbe molto più rischioso per Syriza. Il partito è stato eletto per rappresentare i suoi elettori stanchi dell'austerità, non le opinioni personali dei suoi leader.
 
Se Tsipras e Varoufakis dovessero scegliere di cedere a Bruxelles e Berlino, la decisione avrebbe ancora bisogno di essere sottoposta al voto del popolo perché significherebbe un prolungamento dell'austerità. E questo non è il mandato.
 
Allo stesso modo, se la leadership decide che un'uscita dalla zona euro è l'unica opzione, e che ulteriori negoziati sono senza speranza perché l'Europa non accetterà altro che un popolo greco in una camicia di forza, anche questa decisione dovrà essere sottoposta al voto .
 
Naturalmente Syriza, come qualsiasi altro governo, tiene conto dei sondaggi di opinione, ma sanno che verrà un momento in cui il referendum non potrà più essere rimandato, non importa quello che dicono i sondaggi. In questo, la Grecia sta tornando al suo glorioso passato, come la culla della democrazia.
 
E questo rende ancora più crudele che il paese sia stato governato per così tanto tempo da tutto tranne che da un sistema democratico. Forse possiamo dire che il cerchio si sta chiudendo. Ma la connessione che chiude il cerchio è ancora molto fragile, e nessuno lo sa meglio di Alexis Tsipras.
 

Si stanno preparando a lasciare la zona euro, ribadisce Raul Ilargi Meijer.

Nessun commento:

Posta un commento