venerdì 13 marzo 2015

ORA RENZI SCARICA I PRECARI E SI COMPRA I PROFESSORI


ORA RENZI SCARICA I PRECARI E SI COMPRA I PROFESSORI (Marco Palombi).

manifestazione studenti milano - precari

RESTANO GLI SCATTI DI ANZIANITÀ, ARRIVANO 200 MILIONI AGGIUNTIVI AL “MERITO” E PURE 41 EURO AL MESE PER SPESE CULTURALI. LE ASSUNZIONI, INVECE, CALANO.

Alla fine quel che conta è che ci sia l’effetto annuncio, qualcosa da comunicare. E pure stavolta c’è: 500 euro al mese a tutti gli insegnanti in “spese culturali” che consentano la loro formazione. Libri, musica, teatro, cinema. Tutto pur di nutrire lo spirito degli uomini che hanno “la responsabilità dell’educazione dei nostri figli”. E non solo: anche un deciso cambio di segno nelle alleanze con cui Matteo Renzi cerca di costruire la sua riforma della scuola.   All’inizio il premier puntò tutto sui precari contro il conservatorismo dei garantiti: 150mila assunti tra quelli delle graduatorie a esaurimento e gli idonei del concorso 2012; chi è già in cattedra, invece, dovrà accettare di avere aumenti quasi solo grazie al “merito”, che poi sarebbe la valutazione del preside (“leader educativo” nella neolingua renziana).  
ORA, DOPO considerevoli venti di tempesta arrivati dai sindacati della scuola, si cambia verso: gli assunti saranno solo 100mila (per i particolari vedi il pezzo qui in basso) e probabilmente solo l’anno prossimo, gli scatti di anzianità invece restano, i fondi per il merito sono aggiuntivi (200 milioni a partire dal 2016) e arrivano pure i 500 euro l’anno – o 41 al mese se preferite – per le spese culturali: è la “Carta del professore” con cui comprare libri, musica, biglietti per il teatro e tutto quanto possa servire alla “formazione” del docente. Curioso che sia la stessa carta con cui tentò di accattivarsi i dipendenti della provincia di Firenze nel 2008: “L’idea di fondo è consentire a ciascuna lavoratrice e lavoratore di avere una card contenente una cifra fissa di 1.000 euro a testa. Tale cifra potrà essere destinata ai corsi diformazione, ma anche all’acquisto di libri, materiali multimediali, corsi di lingua, teatro e musica”, scrisse all’epoca agli interessati.   L’IMPORTO stavolta è la metà, ma l’investimento non è piccolo: per circa 700mila insegnanti italiani servono infatti 350 milioni l’anno (115 milioni per il 2015 visto che si parte da settembre). Il messaggio, comunque, è arrivato a destinazione. La Uil, ad esempio, che aveva iniziato una campagna contro la sostanziale abolizione degli scatti di anzianità, ieri col suo segretario Carmelo Barbagallo, ha subito capito che il vento è cambiato e lodato il provvedimento, anche se rimangono “le criticità sui precari”.   Il resto sono generici titoli che rischiano però di avere un effetto devastante per la scuola pubblica italiana sul lungo periodo. Il primo punto che il premier cita in conferenza stampa è infatti “l’autonomia vera”, cioè “la personalità giuridica” delle singole scuole, che serve a varie cose.   In primo luogo il preside diventa il dominus o meglio il manager della scuola: potrà ad esempio scegliere gli insegnanti “a chiamata diretta”, per così dire, da un apposito albo territoriale. In renzese, “il leader educativo potrà scegliersi la sua squadra per realizzare i Piani dell’offerta formativa”.   Non solo: la personalità giuridica gli consentirà di raccogliere donazioni (lo school bonus le defiscalizza generosamente) e sollecitare il 5 per mille da alunnied ex alunni. Ovviamente questo avrà effetti diversi a seconda del quartiere o della zona d’Italia in cui si trova la scuola: evangelicamente si potrebbe dire che a chi ha sarà dato.   NON MANCA, ovviamente, la trasparenza: curricula degli insegnanti online (chissà perché) e pure i bilanci delle singole scuole. Poi, anche se non viene specificato come, Renzi sostiene che ovviamente il preside (o “leader educativo”) dovrà “rispondere dei risultati”.   L’altra parola d’ordine su cui punta palazzo Chigi è “mai più classi pollaio”: il premier, in conferenza stampa, ha fatto discendere questo meraviglioso futuro dalla definizione del cosiddetto “organico funzionale”, anche se non si capisce benecome l’uno influenzi l’altro. Nessuna sorpresa, invece, sulle scuole paritarie, che incassano senz’altro quanto chiedevano: detrazioni fiscali per chi iscrive i propri figli alle scuole private, ma solo per elementari e medie (lo sconto per l’iscrizione all’asilo esiste già e vale fino a 120 euro al massimo).   Siccome gli studenti interessati   - secondo i dati del Miur – sono oltre 250 mila, per garantirgli lo stesso trattamento delle materne servono oltre 30 milioni di euro l’anno, prelevati dalla fiscalità generale come pure la quota delle paritarie su school bonus e 5 per mille (a non dire dei finanziamenti diretti). Sulla Costituzione continua a esserci scritto “senza oneri per lo Stato”, ma forse è solo un consiglio.
Da Il Fatto Quotidiano del 13/03/2015.

Nessun commento:

Posta un commento