domenica 1 marzo 2015

Pensioni d'oro, Renzi da Vespa ci ha presi in giro. Rivolta in rete

da http://www.tzetze.it

Pensioni d'oro, Renzi da Vespa ci ha presi in giro. Rivolta in rete

Matteo Renzi ha mentito ancora una volta, ma questa volta l'ha fatta grossa. Così grossa che, come riporta il giornalista Marcello Foa "Renzi è stato giustamente massacrato dal popolo di internet". Il motivo? Una colossale menzogna pronunciata sul taglio alle pensioni d'oro.

La trasmissione Presa Diretta ha infatti trasmesso un'intervista rilasciata da Renzi a Bruno Vespa un anno e mezzo fa, quando ancora era in corsa per la leadership del Partito democratico e poi, sempre a Vespa, un'altra intervista, questa volta nelle vesti di premier.

La contraddizione è palese: il Renzi del dicembre 2013 cavalca l'onda dell'antipolitica e proclama la necessità di tagliare senza pietà le pensioni sopra i 3500 euro netti. Il Renzi premier, nemmeno un anno dopo nel settembre 2014, afferma esattamente il contrario ovvero che pensioni oltre i 2'800 euro non sono d'oro e non vanno assolutamente tagliate. Cambia anche l'entità della manovra. Prima Renzi assicurava che tagliando le pensioni d'oro si potevano risparmiare addirittura dai 4 ai 12 miliardi di euro, poi il beneficio per le casse pubbliche si riduce ad appena 100 milioni di euro.

Renzi è stato giustamente massacrato dal popolo di internet. Sono fioriti gruppi su Facebook che grondano indignazione per quella che viene considerata una presa per i fondelli. Ma a interessarmi non è tanto la sua giravolta, che può sorprendere solo chi ancora non ha capito la natura del personaggio e la sua inconsistenza politica, quanto le sue tecniche di comunicazione.

Ascoltatelo bene. Renzi parte sempre evocando un luogo comune, un sentore comune, scandendo bene le parole, come se stesse parlando al bar. Conquistato l'assenso implicito dell'ascoltatore, lancia il suo proclama presentandolo sempre come la cosa più ovvia del mondo, o meglio la cosa giusta da fare per chi - ovviamente come lui - persegue il bene del Paese. E lasciando intendere che lui è di quella idea da sempre.

Renzi è un parlatore innato ma ha evidentemente affinato la propria oratoria con tecniche di persuasione tipiche degli spin doctor. Sa che la gente ha la memoria cortissima e che da sempre, anche in Italia, si lascia incantare da chi parla bene; anzi da chi la vende bene. La bufala, ben inteso. In America a lungo i candidati presidenziali per screditare i propri rivali hanno chiesto agli elettori: comprereste un'auto usata da quest'uomo? Aggiorno lo slogan. E voi, di Renzi? E' superfluo che indichi la mia risposta. Ma gli italiani?

Se non fosse stato per il servizio di Riccardo Iacona e della sua squadra, il clamoroso dietrofront di Renzi sarebbe passato inosservato. In realtà è passato comunque inosservato, perché gli altri media non hanno ripreso il servizio di Presa diretta, che ha avuto eco solo su Facebook, raggiungendo alcune centinaia di migliaia di persone. Troppo poco per cambiare il percepito degli elettori.

E allora la risposa è: sì gli italiani ancora gli credono. E continueranno fino a quando non scopriranno che l'auto comprata con tanto entusiasmo da quel simpatico venditore toscano che assomiglia a Mister Bean e fa le smorfie mentre parla, li avrà lasciati a piedi. Ma a quel punto sarà troppo tardi per recriminare. E il danno ormai compiuto.

Nessun commento:

Posta un commento