giovedì 26 marzo 2015

Primo sì in Senato alle unioni civili con una nuova maggioranza: asse Pd-M5s

da repubblica.it

Primo sì in Senato alle unioni civili con una nuova maggioranza: asse Pd-M5s

In commissione Giustizia approvato il testo della Cirinnà che consente anche le adozioni gay tramite l'istituto dello 'Stepchild Adotion'. Contrari Ncd (che sta al governo), Lega e Forza Italia
Primo sì in Senato alle unioni civili con una nuova maggioranza: asse Pd-M5s
ROMA - Primo sì in Senato alleunioni civili. Con 14 sì, 8 no e un astenuto, la commissione Giustizia di Palazzo Madama ha approvato il testo base della relatrice Monica Cirinnà (Pd) che regolamenta le unioni civili tra persone dello stesso sesso consentendo anche le adozioni gay tramite l'istituto delloStepchild Adoption. Il testo regolamenta anche le coppie di fatto tra eterosessuali. A votare sì sono stati Pd e M5s. Hanno votato contro Ncd (che sta al governo), Lega e Forza Italia. Si è astenuto il senatore di Forza Italia, Ciro Falanga.

Nel dettaglio, il testo introduce le unioni civili fra persone dello stesso sesso, un nuovo istituto giuridico fondato sull'articolo 2 della Costituzione, che riconosce i diritti sociali oggi riservati alle coppie eterosessuali unite in matrimonio, compresa la pensione di reversibilità. Rimangono precluse le adozioni, con l'unica eccezione della possibilità di adottare il figlio del/la partner. I matrimoni stipulati all'estero, così come i matrimoni nei quali un coniuge abbia cambiato sesso, potranno essere riconosciuti come unioni civili.

Il titolo secondo del testo adottato riconosce alle convivenze di fatto che non intendano accedere ad un istituto giuridico - eterosessuali od omosessuali che siano - alcuni diritti di base già riconosciuti dalla giurisprudenza (subentro nel contratto d'affitto, assistenza in ospedale, mantenimento temporaneo dell'ex partner in difficoltà) e la possibilità di regolare i rapporti patrimoniali attraverso contratti di convivenza di fronte a un notaio.

Plaude il via libera Emanuele Fiano (Pd), che con un tweet esulta: "Al Senato, approvato in Commissione Giustizia il testo base Cirinnà sulle Unioni civili. La volta buona".

Nessun commento:

Posta un commento