venerdì 13 marzo 2015

REPLICA Case M5s, Grillo grida al complotto. Ma questi sono i numeri

da l'Espresso Sei in: 
  •  >
  •  
  •  >
  •  
  • Case M5s, Grillo grida al complotto....
REPLICA

Case M5s, Grillo grida al complotto. Ma questi sono i numeri

Il presidente della Vigilanza Rai, Roberto Fico, che parla di “cifre sballate”. Il blog che le definisce “vergognosamente false” e ci taccia di “notizie infondate”. Fra omissioni e giochi di parole, ecco - punto per punto - la prova che gli importi (e i fatti) sono quelli riportati nella nostra inchiesta

DI PAOLO FANTAUZZI
Case M5s, Grillo grida al complotto. Ma questi sono i numeri
Beppe Grillo
Niente da fare. Basta occuparsi del Movimento cinque stelle con approccio critico, che subito Beppe Grillo grida al complotto. Una sorta di riflesso incondizionato che sa tanto di “vecchia politica” e che lo spinge a sguainare la spada proprio come fanno i partiti. E poco importa se - quale prova di indipendenza di giudizio - in passato l’Espresso stesso non abbia esitato a riconoscere il lavoro e i risultati ottenuti dal M5S in Parlamento .

Oggi il blog dell’ex comico, convinto che esista una “offensiva mediatica” nei confronti dei Cinque stelle, in un post a firma del capogruppo Andrea Cioffi se la prende con l’inchiesta sugli appartamenti presi in affitto a uso abitativo per i dipendenti del gruppo Comunicazione al Senato. Case costate dall’inizio della legislatura oltre 160 mila euro, come dimostrato numeri alla mano, in nome di quella trasparenza tanto cara al Movimento. E se il presidente della Vigilanza Rai Roberto Fico bolla le nostre cifre come “sballate” , il blog di Grillo arriva a definirle addirittura “vergognosamente false”. Motivo: avremmo scritto che sono stati spesi “40mila euro per l'affitto di Rocco Casalino”.

VEDI ANCHE:


In realtà non è proprio così, e giocare con le parole certo non serve: l’Espresso ha affermato che quella spesa è stata effettuata per “l’alloggio di Rocco Casalino”, ovvero per la casa nel suo complesso, dove “dall’estate del 2013” vive “insieme a un collega”. Insomma, ci era parso chiaro che quella è la cifra che si ottiene “sommando due anni di affitto di un appartamento”, come scrive il blog, in cui peraltro l’ex Gf non ha mai vissuto da solo. O no, Beppe?

E lo stesso dicasi per l’appartamento di Nick il Nero, in merito al quale le nostre informazioni sarebbero addirittura “infondate”, dal momento che “alloggia in un monolocale di 30 mq, per un affitto di 850 euro al mese”. Vero.Quello che il blog tace però è che, come si può vedere dalla lista dei pagamenti effettuati nel 2014 per le locazioni, il video-maker ci si è trasferito solo di recente: a novembre, presumibilmente, dal momento che il primo bonifico di quell’entità risulta essere stato effettuato il 28 ottobre. Ovvero proprio nel bel mezzo di quella “spending review che dovrebbe consentire di spendere meno per l’anno in corso”, alla quale si fa riferimento nell’articolo.

Fino al mese precedente, come si deduce sempre dalla movimentazione del conto corrente bancario (pubblicata in rete come previsto dalla norma), il gruppo aveva in affitto un grande appartamento che costava 3 mila euro al mese e in cui vivevano in tre. Essendo stata abitato dall’agosto 2013, si tratta complessivamente di una spesa di quasi 50 mila euro per le casse del gruppo parlamentare.

Quanto al merito dell’inchiesta,

VEDI ANCHE:

cioè la possibilità di usare i fondi pubblici del gruppo parlamentare per i cosiddetti “fringe benefit”, le fonti amministrative del Senato sentite dall’Espresso restano scettiche su tale eventualità. Ed è un fatto che quest'anno il collegio dei questori - pur non avendo sollevato obiezioni nel 2014 - a seguito di una specifica segnalazione è intenzionato a svolgere approfondimenti e chiedere chiarimenti proprio sul tema della locazione di immobili a uso privato. Obiettivo: valutare se tale voce può rientrare fra le spese per il funzionamento, per il quale il contributo viene erogato.

Insomma, nessun complotto, ma solo un’inchiesta giornalistica. Di quelle che il Movimento cinque stelle, da sempre critico con la stampa “anestetizzata”, dovrebbe quanto meno rispettare. Anche quando lo riguardano direttamente.

Nessun commento:

Posta un commento