martedì 10 marzo 2015

Ruby: il bunga bunga, le bugie, i silenzi è il giorno del giudizio per Berlusconi

Ruby: il bunga bunga, le bugie, i silenzi è il giorno del giudizio per Berlusconi (PIERO COLAPRICO).

BerlusconiOggi la sentenza della Cassazione.
Dopo l’assoluzione in appello di cinque mesi fa per l’ex Cavaliere l’attesa di un verdetto che potrebbe essere decisivo per il suo futuro politico.
MILANO – Arrivano in Corte di Cassazione le «cene eleganti» di Arcore con annesso bunga bunga. Tocca ai supremi giudici affrontare oggi alle 10,30 circa i due temi. La concussione (la telefonata di Silvio Berlusconi in Questura per far liberare Ruby Rubacuori, una diciassettenne scappata da una comunità di recupero). E la prostituzione minorile: essere o no cliente consapevole di una minorenne (sempre Ruby). Questa volta il nome di Silvio Berlusconi — che guarda con trepidazione alla sentenza, anche per le note ragioni di agibilità politica — è destinato ad entrare negli annali giudiziari.
CONDANNA E ASSOLUZIONE
Esistono infatti questioni di diritto molto importanti legate al caso Ruby-Silvio. Come si ricorderà, Berlusconi (difeso dal tandem Ghedini-Longo) era stato condannato in primo grado a sette anni (sentenza di Giulia Turri, Orsola De Cristofaro e Carmela d’Elia, depositata il 21 novembre 2013). Meno di un anno dopo, difeso da Coppi e Dinacci, era stato assolto in appello (sentenza depositata il 16 ottobre 2014). Assolto sia dall’accusa di concussione («perché il fatto non sussiste) e sia da quella di prostituzione minorile («il fatto non costituisce reato»). Una sentenza clamorosa, che aveva spinto alle dimissioni il presidente, Enrico Tranfa, in disaccordo con i giudici Alberto Puccinelli e Concetta Locurto. Una decisione inedita, durissima, presa «dopo un viaggio a Lourdes», in nome «dell’eguaglianza di tutti davanti alla legge», senza una parola ufficiale.
LA TELEFONATA «COGENTE»
Un punto chiave della questione è «la telefonata». Berlusconi, è noto, chiama da Parigi, intorno alla mezzanotte del 27 maggio 2010, e avvisa che sta mandando in Questura la consigliera regionale, ma spogliarellista nelle notti di Arcore, Nicole Minetti, per la «nipote del presidente egiziano Moubarak». L’accusa, e anche i giudici di primo grado, individuano nella frase detta a Pietro Ostuni, capo di gabinetto della Questura — «Abbiamo un problema», che significa per i magistrati «Tu hai un problema» — la «natura cogente della richiesta preveniente da Berlusconi », e cioè la concussione.
La Corte d’Appello, viceversa, non scorge alcun «significato minatorio » nei contatti telefonici. Anzi, scarica sul «timore reverenziale, compiacenza o timore autoindotto» del questore vicario la responsabilità di aver fatto uscire dalla Questura la minorenne invitata alle pornofeste.
L’ABUSO E IL VANTAGGIO
Anche per i giudici che l’assolvono è innegabile che Berlusconi «abusò della sua qualità di presidente del Consiglio, simulando un interesse istituzionale al rilascio di Karima El Mahroug (…) per fini personali». Per lui era vitale non subire lo scandalo, Ruby evita il rientro in comunità, entrambi ricevono dunque l’«indebito vantaggio non patrimoniale». Nemmeno questo basterebbe per la concussione, sarebbe soltanto Ostuni, «improvvidamente sbilanciandosi ad assicurare l’affidamento» di Ruby, a esercitare — sostiene chi ha assolto l’ex premier — «un’insistente pressione acceleratoria» sulla funzionaria di turno, la dottoressa Giorgia Iafrate.
LA FRASE MANCANTE
La Procura generale ha contrattaccato con 61 pagine di ricorso in cui spicca una frase, quella che il questore vicario Ostuni non ha mai detto alla Presidenza del Consiglio: «Rassicurate il presidente, la minore fermata e portata in questura non è egiziana, e tantomeno parente del presidente egiziano. È una giovane marocchina (…) Oltretutto il pubblico ministero dei minori (…) temendo che potesse prostituirsi, ne ha disposto, a tutela della sua persona, il collocamento in comunità». Erano bastati appena sette minuti a Ostuni, dopo la telefonata con Parigi, per apprendere la verità dei fatti. Quindi la spiegazione di chi chiede la condanna è lineare: il poliziotto s’è sentito senza via d’uscita. Concusso. Infatti «la benevolenza» di Berlusconi sarebbe per Ostuni una molla importante, perché è «foriera potenzialmente — come dice la stessa Cassazione — di futuri favori». Ma se si considerano i fatti uno per uno, l’assoluzione nasce — così dice la Procura generale — da «una vera e propria amputazione del quadro probatorio ».
LA PROSTITUZIONE MINORILE
Complesso il discorso anche sull’altro reato: molto si gioca sul fatto che Berlusconi poteva sapere oppure no della minore età di una ragazza come Ruby. A favore del «sì, lo sapeva » ci sono numerose prove logiche (l’aveva conosciuta in Sicilia Emilio Fede; Ruby «lavorava» con Lele Mora; la stessa Ruby racconta di non aver avuto una casa in affitto gratis, come le altre «olgettine», perché era minorenne). Anche nelle telefonate intercettate, Ruby stessa spiattella come Berlusconi sapesse di avere a che fare con una minorenne. Può bastare? O no? È alla sesta sezione penale, presieduta da Nicola Milo, con relatore Orlando Villoni, e pubblica accusa sostenuta da Eduardo Scardaccione, che tocca oggi dare risposte. Con una sentenza che, in ogni caso, farà «giurisprudenza».
Da La Repubblica del 10/03/2015.

Nessun commento:

Posta un commento