venerdì 13 marzo 2015

Ruby ter, i pm accusano: "Da Berlusconi alle olgettine due milioni di euro in quattro anni"

da repubblica.it

Ruby ter, i pm accusano: "Da Berlusconi alle olgettine due milioni di euro in quattro anni"

Agli atti dell'inchiesta ci sono anche le lettere scritte a ciascuna delle venti ospiti alle feste ad Arcore in cui l'ex Cavaliere le informa di non poter più continuare a versare denaro
Ruby ter, i pm accusano: "Da Berlusconi alle olgettine due milioni di euro in quattro anni"
Oltre due milioni di euro, tra assegni e bonifici, sono stati versati da Silvio Berlusconi alle ragazze ospiti delle serate di Arcore, Ruby esclusa, nel periodo compreso tra il 2010 e i primi mesi del 2014. E' quanto si evince dagli atti della Procura di Milano che riguardano l'inchiesta'Ruby ter' e che sono stati appena depositati al tribunale del Riesame. I magistrati che indagano hanno da poco chiesto una proroga delle indagini per poter analizzare la "mole" di indizi raccolti sul caso.

Il premier, unica fonte di reddito. Le indagini bancarie eseguite fino ad ora porterebbero a dire che non sono documentate fonti di reddito "delle indagate che non siano riconducibili in modo diretto e indiretto" a Berlusconi che statoassolto in terzo grado per il primo filone d'indagine, il caso Ruby. Gli accertamenti bancari sono stati disposti dai magistrati sui conti correnti di una ventina di 'olgettine' da poco depositati al Riesame. Le ragazze tra assegni e bonifici, dal 2010 al 2014, avrebbero ricevuto una somma che, per la precisione, è stata fissata in 2 milioni e 150 mila euro.

Una 'liquidazione'  da 25mila euro. Agli atti c'è anche la lettera di 'congedo' scritta da Berlusconi nel dicembre 2013 alle ragazze. Nella missiva l'ex premier scrive, in sostanza,  di non poter più aiutare le giovani in quanto questo suo gesto di generosità è stato interpretato in termini negativi e porterebbe guai per tutti. Però annuncia di lasciare ad alcune di loro, in tutto 14 ragazze, un ultimo aiuto e cioè una sorta di buona uscita di 25 mila euro.

Spinelli chiede istruzioni. Sempre agli atti dell'indagine, c'è anche il verbale del ragioniere Giuseppe Spinelli, sentito quattro volte dagli inquirenti. Spinelli (l'uomo incaricato da Silvio Berlusconi di elargire gli 'aiuti') racconta di essersi trovato di fronte a ragazze che gli dicevano di essere in difficoltà economiche quando gli chiedevano il denaro. Nelle sue deposizioni, il ragioniere Spinelli spiega di avere avuto un budget di 2.500 euro mensili. Nel caso in cui le ragazze avessero chiesto altro, il ragioniere  ha raccontato agli inquirenti di avere chiesto l'autorizzazione a  Berlusconi per procedere a ulteriori versamenti.

La contabilità. Sempre stando alle analisi bancarie, le gemelle, Eleonora e Concetta De Vivo avrebbero ricevuto 100 mila euro ciascuna e Barbara Faggioli 180 mila, la giornalista Silvia Trevaini 55 mila euro. Tutto sempre da conti riconducibili a Silvio Berlusconi.


Nessun commento:

Posta un commento