giovedì 2 aprile 2015

Finché incassate soldi di nascosto


Finché incassate soldi di nascosto

«Restano misteriosi e non accessibili molti dei flussi finanziari che rappresentano forme diverse di finanziamento del sistema della politica nel nostro paese». E poi: «Avere dati dettagliati sui finanziamenti che i partiti hanno ottenuto dai privati sarebbe stato interessante. Sfortunatamente, questi dati sono risultati non recuperabili». E ancora: «Il nostro lavoro è stato reso difficoltoso dalla difficoltà di accesso ai dati e dalla bassa qualità degli stessi (…). L’esigenza della trasparenza e della massima fruibilità dei dati rappresenta ancora un obiettivo da raggiungere».
Queste parole testuali appaiono nel report ufficiale sui costi della politica rilasciato dall’ex commissario alla spending review, Carlo Cottarelli, finalmente reso pubblico: e ora si capisce anche meglio perché Cottarelli non è più lì. Non sarà un eroe dei due mondi, ma ha detto l’indicibile: e cioè che i partiti prendono soldi in mille modi che noi non sappiamo, che quando uno (nominato dal governo!) cerca di scoprirlo gli mettono i bastoni tra le ruote e che infine la trasparenza sui finanziamenti veri alla politica, in questo Paese, è lontanissima.
È curioso come la cannonata ad alzo zero di Cottarelli sia apparsa on line proprio mentre D’Alema abbaiava e querelava in giro perché sui giornali era uscita l’intercettazione che riguardava lui e la sua fondazione.
Nell’intercettazione, lo ricordo, il regista degli affari sporchi della cooperativa Cpl Francesco Simone dice: «Bisogna investire negli Italianieuropei dove D’Alema sta per diventare commissario europeo… D’Alema mette le mani nella merda come ha già fatto con noi e ci ha dato delle cose». Lo stesso Simone parla poi con un’impiegata della Fondazione «dell’acquisto da parte di “Cpl” di alcune centinaia di copie dell’ultimo libro del politico nonché di alcune migliaia di bottiglie del vino prodotto da un’azienda agricola riconducibile allo stesso D’Alema». Nella perquisizione alla Cpl sono stati infine trovati «tre dispositivi di bonifici effettuati da “Cpl” in favore della Fondazione Italianieuropei ciascuno per l’importo di 20 mila euro nonché un ulteriore dispositivo di bonifico per l’importo di 4.800 euro per l’acquisto di 500 libri di D’Alema dal titolo “Non solo euro”».
Come noto, D’Alema si è incazzato come un puma perché sono usciti quei verbali: «È incredibile diffondere intercettazioni che nulla hanno a che vedere con l’indagine, la giustizia non può avere come fine quello di sputtanare le persone, ma deve avere come fine la ricerca dei responsabili dei reati». Poi ha pure perso un po’ la calma.
Le fondazioni dei politici in Italia sono prevalentemente macchine per finanziare i politici stessi e soprattutto non rivelano a nessuno i nomi dei loro finanziatori: «Ottengono i quattrini che sono il vero motore delle campagne elettorali. Possono intascare centinaia di migliaia di euro senza darne conto e sono fuori da ogni possibilità di controllo», come ha detto il presidente dell’Autorità Anticorruzione, Raffaele Cantone. In particolare, quando nel dicembre scorso “l’Espresso” ha chiesto a ItalianiEuropei chi la finanziava, ha ottenuto un secco diniego con la seguente spiegazione: «Preferiamo la privacy alla trasparenza. I nostri bilanci sono depositati alla prefettura, non ci sono i nomi e i cognomi ma trovate entrate e uscite».
Quindi quei verbali che tanto hanno fatto infuriare D’Alema sono stati sostanzialmente un (pur minuscolo) squarcio di verità sui finanziatori segreti della sua Fondazione.
E allora, il problema in questo Paese è un verbale processuale depositato che restituisce ai cittadini una piccolissima porzione di un loro diritto sacrosanto – sapere chi finanzia privatamente la politica – o è il fatto che la politica si faccia finanziare in modo torbido e segreto?
Ecco: con permesso, finché i partiti e i politici incassano i soldi di nascosto dai cittadini, tramite le loro fondazioni, credo che qualsiasi loro lamentela sulla pubblicazione dei verbali “sputtananti” abbia davvero scarsa credibilità, scarsa autorevolezza, ma soprattutto scarsissima ragion d’essere.
Da gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it

Nessun commento:

Posta un commento