sabato 2 maggio 2015

Il pollo al cloro #TTIP

da blog Beppe Grillo

Il pollo al cloro #TTIP

pollo_al_cloro.jpg
Cos'è il "pollo al cloro"? E' una delle tante minacce che si celano dietro al solito misterioso acronimo che non fa capire nulla ai cittadini. In questo caso il TTIP, il Trattato Transatlantico sul commercio e gli Investimenti tra USA e UE. "L’obiettivo è integrare i due mercati, riducendo i dazi doganali e rimuovendo in molti settori(tra cui quello alimentare, ndr) le differenze in regolamenti tecnici, norme e procedure di omologazione, standard applicati ai prodotti, regole sanitarie e fitosanitarie. Ciò renderebbe possibile la libera circolazione delle merci, faciliterebbe il flusso degli investimenti e l'accesso ai rispettivi mercati dei servizi e degli appalti pubblici.Se il progetto andrà in porto, sarà creata la più grande area di libero scambio esistente, poiché UE e USA rappresentano circa la metà del PIL mondiale e un terzo del commercio globaleda Wikipedia.
Peccato che il libero scambio non tuteli i consumatori europei, ma solo gliinteressi economici delle multinazionali americane dell'alimentare.
"Su questo trattato si concentrano alcune delle principali resistenze europee (ma non quelle italiane, per il governo il pollo al cloro è buono e abbondante) per le diversità di standard tra USA e UE. Perché gli europei dovrebbero mangiare (ingurgitare?) cibi americani come il "pollo al cloro"? Negli USA gli allevamenti avicoli hanno obblighi in materia di standard igienici e sanitari molto inferiori a quelli europei, in compenso "sterilizzano" i volatili abbattuti con una "doccia" di cloro. Ma non c'è solo il pollo al cloro che preoccupa le nostre tavole, ma il vasto uso di ormoni nella carne bovina e suina, la clonazione di animali da macello, l'ampio utilizzo di prodotti geneticamente modificati." da "Pappa Mundi" diFrancesco Galietti
Dopo l'esportazione della democrazia, l'esportazione dei polli al cloro nel silenzio totale del nostro governo di lustrascarpe.
Il M5S si batterà con tutti i mezzi a disposizione contro il TTIP sia nel parlamento nazionale che in quello europeo. Contateci!

Nessun commento:

Posta un commento