giovedì 7 maggio 2015

L'Italia deve diventare un Paese civile con il #RedditoDiCittadinanza presente in tutta Europa

da blog Beppe Grillo

L'Italia deve diventare un Paese civile con il #RedditoDiCittadinanza presente in tutta Europa




mappa_rdc.jpg
Il Reddito di Cittadinanza è presente in tutti i Paesi UE, tranne che in Grecia, in Ungheria e in Italia. I portavoce del M5S in Europa hanno raccolto le informazioni e hanno realizzato un video informativo per mostrare a tutti gli italiani come funzionano i Paesi civili. L'Italia deve diventare un Paese civile con l'introduzione del Reddito di Cittadinanza proposto dal M5S.
Il 9 maggio 2015 ci sarà la marcia Perugia-Assisi per il Reddito di Cittadinanza. Si partirà alle ore 12 dai Giardini del Frontone, Borgo XX Giugno, Perugia. L'arrivo è previsto intorno intorno alle 17-18 in Viale Patrono d'Italia presso la Basilica di Santa Maria degli Angeli, ad Assisi. Supportate il Reddito di Cittadinanza conl'iscrizione alla Marcia Virtuale e con un messaggio su Twitter con #marcia5stelle. Ci vediamo a Perugia, in alto i cuori!
"Hanno detto che non si può fare, che non ci sono i soldi, che è un regalo per i fannulloni. Eppure basterebbe fare il giro delle capitali europee per dimostrare che dicono il falso.
Il reddito di cittadinanza c'è in 25 Paesi europei su 28 (ovunque tranne in Italia, Grecia e Ungheria), persino in Stati con un Pil dieci volte più piccolo dell'Italia.
In Spagna il reddito di cittadinanza è stato inserito nel 2008, in piena crisi economica, e prevede un assegno di 532 euro al mese per chi ha un reddito inferiore ai 5 mila euro annui. In Olanda l'assegno arriva a 1.400 euro al mese. In Irlanda e Romania il sussidio è a tempo indeterminato, fino a quando non si trova un lavoro. In Estonia la legge impone al Parlamento nazionale di adeguare tutti gli anni questo sussidio al costo della vita. In Finlandia il bonus raddoppia per le famiglie. In Lituania oltre all'assegno, lo Stato rimborsa anche le spese per il riscaldamento. In Francia chi lo contrae deve sottoscrivere un patto d'onore e cooperare con i servizi sociali. In Danimarca il reddito di cittadinanza è esteso anche agli under 30 che vivono con i loro genitori. In tutti i Paesi chi fa il furbo, dichiara il falso o lavora in nero viene severamente punito.
In Europa i contenuti delle leggi sono diversi, i requisiti e la durata variano da Paese a Paese, ma il minimo comune denominatore è uno e si chiama reddito di cittadinanza.
La crisi economica ha creato un oceano di disperazione. In Italia con i Tremonti e Monti bond la politica ha salvato le banche, regalando ai finanzieri scudi contro le armi che loro stessi avevano creato. I cittadini sono stati lasciati soli.
VIDEO: Come funziona il Reddito di Cittadinanza in Europa
In Europa gli esodati non esistono perché avrebbero il reddito di cittadinanza.
In Europa i padri separati non dormono nelle automobili perché avrebbero il reddito di cittadinanza.
In Europa i bamboccioni non esistono perché, grazie al reddito di cittadinanza, possono fare la spesa senza la paghetta della mamma.
In Europa i disoccupati non si suicidano, perché dopo il sussidio di disoccupazione c'è il reddito di cittadinanza.
I laureati mandano migliaia di curriculum per trovare il loro primo impiego? Nell'attesa di una risposta in Europa hanno il reddito di cittadinanza.
L'ITALIA E' FUORI DALL'EUROPA!
Lo dimostrano le parole del Commissario europeo agli Affari Sociali Marianne Thyssen che, incalzata dalla portavoce del Movimento 5 Stelle Europa Laura Agea, ha dichiarato: "nel XXI secolo ogni cittadino europeo deve avere la possibilità di vivere attraverso un reddito di cittadinanza. Chi non riesce ad avere un lavoro deve essere aiutato e protetto, purtroppo però in Europa non abbiamo tutte le competenze ma possiamo stimolare gli Stati attraverso specifiche raccomandazioni".
Il MoVimento 5 Stelle è andato oltre queste belle intenzioni e ha messo nero su bianco queste parole presentando, grazie al lavoro di Laura Agea, emendamenti specifici alla relazione sul semestre europeo per il coordinamento delle politiche economiche, aspetti occupazionali 2015. La battaglia è quella di costringere l'Europa a fare pressione sugli Stati membri affinché introducano il reddito di cittadinanza, così da ridurre le diseguaglianze sociali.
Tutti devono sapere cosa succede in Europa.
Tutti devono denunciare il colpevole silenzio del governo italiano sul reddito di cittadinanza." I portavoce M5S in UE
____________________________________________________________________
La Marcia Virtuale per il Reddito di Cittadinanza continua fino al 9 maggio quando ci ritroveremo tutti insieme a Perugia per percorrere 24 chilometri fino ad Assisi per la tappa finale. Un popolo in cammino per il Reddito di Cittadinanza.
Supportate il Reddito di Cittadinanza con l'iscrizione alla Marcia Virtuale e con un messaggio su Twitter con #marcia5stelle. Ci vediamo a Perugia, in alto i cuori!


ISCRIVITI ALLA MARCIA VIRTUALE per il Reddito di Cittadinanza!
marciaclicca.jpg


Nessun commento:

Posta un commento