mercoledì 6 maggio 2015

LO STRAPPO DELLA SCUOLA

scuola

LO STRAPPO DELLA SCUOLA (di Norma Rangeri)

Se la piazza di S. Giovanni convocata dalla Cgil il 25 ottobre era stato il primo, vero strappo tra Renzi e una larga parte degli elettori del Pd rappresentata dal sindacato e dal largo mondo del precariato, le piazze piene contro la «buona scuola» rappresentano il secondo grande solco tra il governo e l’immensa fabbrica della scuola pubblica.
Sarà per­ché ha la prof in casa (la moglie, tra i pochi inse­gnanti a non aver scio­pe­rato), o sarà per­ché aiuta la costru­zione dell’immagine pub­blica, sta di fatto che il segre­ta­rio del Pd, ancora prima di diven­tare pre­si­dente del con­si­glio girava per leo­polde e talk-show ripe­tendo che avrebbe risol­le­vato le sorti del nostro mal­con­cio paese pro­prio a comin­ciare dalla scuola.
Se ne andava a spasso per l’Italia pro­met­tendo che avrebbe dedi­cato un giorno alla set­ti­mana del suo tempo a visi­tare bimbi e mae­stri. E la tele­vi­sione gli cor­reva die­tro per incor­ni­ciare il gio­vane pre­mier accolto dalle sco­la­re­sche festanti con fiori, can­zon­cine, cori, bat­ti­mani, sven­to­lio di bandierine.
Poi di quelle visite si sono perse le tracce, i sof­fitti delle scuole hanno con­ti­nuato a crol­lare sulla testa dei ragazzi men­tre a palazzo Chigi si met­teva a punto un dise­gno di legge per una nuova, l’ennesima, riforma della scuola.
Che piace mol­tis­simo al governo e pochis­simo a inse­gnanti e stu­denti. Che la giu­di­cano una delle peg­giori degli anni recenti, al punto da riem­pire le piazze delle nostre città con uno scio­pero come non si vedeva dal 2008, dai tempi della cop­pia Gelmini-Berlusconi.
Le ragioni della pro­te­sta, paci­fica, di massa, arti­co­lata, plu­rale saranno dif­fi­cili da disin­ne­scare. Siamo solo all’inizio della mobi­li­ta­zione e a meno di con­si­de­rare gli inse­gnanti, di tutte le sigle sin­da­cali, degli ingua­ri­bili gua­sta­fe­ste che non vedono la manna di miliardi e la valanga di assun­zioni in arrivo, biso­gnerà pas­sare dalle pro­messe ai fatti. Qui non basta un voto di fidu­cia per neu­tra­liz­zare la forza di moti­va­zioni che sono mate­riali e cul­tu­rali insieme.
È un fronte che salda il disa­gio sociale di una pro­fes­sione tra le più pre­ca­riz­zate alla con­te­sta­zione di un modello azien­dale dell’apprendimento.
Il rifiuto del sim­bolo di que­sta con­tro­ri­forma ren­ziana è il pre­side tra­sfor­mato in capo azienda, una sorta di diri­gente di reparto che indi­vi­dua e sele­ziona il corpo inse­gnante più ido­neo a for­mare i ragazzi secondo i biso­gni del mer­cato. In per­fetta coe­renza con tutta la filo­so­fia poli­tica del renzismo.
Né può fun­zio­nare il gioco media­tico, rei­te­rato in que­ste ore, del «con que­sta riforma cam­bie­remo l’Italia», replica del «con que­sta legge elet­to­rale cam­bie­remo il paese», a sua volta ripe­ti­zione del «con il jobs act abbat­te­remo la disoccupazione».

Se la piazza di S. Gio­vanni con­vo­cata dalla Cgil il 25 otto­bre era stato il primo, vero strappo tra Renzi e una larga parte degli elet­tori del Pd rap­pre­sen­tata dal sin­da­cato e dal largo mondo del pre­ca­riato, le piazze piene di ieri con tutti i lavo­ra­tori e gli stu­denti in campo con­tro la «buona scuola» del pre­si­dente del con­si­glio rap­pre­sen­tano il secondo grande solco tra il governo e l’immensa fab­brica della scuola pubblica.

Nessun commento:

Posta un commento