giovedì 21 maggio 2015

Retribuzioni contrattuali in aumento dello 0,2% ad aprile

da repubblica.it

Retribuzioni contrattuali in aumento dello 0,2% ad aprile

La variazione annua è stata di un rialzo dell'1,2%. I prezzi, sempre ad aprile, erano saliti dello 0,2% mensile ma calati dello 0,1% annuo. In attesa di rinnovo il 41,8% dei lavoratori italiani

Retribuzioni contrattuali in aumento dello 0,2% ad aprile
In aumento le retribuzioni contrattuali: ad aprile, segnala l'Istat, hanno fatto registrare un incremento dello 0,2% rispetto al mese precedente e dell'1,2% nei confronti di aprile 2014. Complessivamente, nei primi quattro mesi del 2015 la retribuzione oraria media è cresciuta dell'1,1% rispetto al corrispondente periodo del 2014. L'inflazione di aprile ha fatto segnare un +0,2% su base mensile, ma su base annua è calata dello 0,1%: evidente la crescita delle retribuzioni, se rapportate dunque alla dinamica dei prezzi annua.

Tornando ai dati sugli stipendi, l'Istat segnala che hanno fatto registrare un incremento tendenziale dell'1,6% per i dipendenti del settore privato e una variazione nulla per quelli della Pubblica amministrazione, interessati dai noti blocchi. I settori che ad aprile presentano gli incrementi tendenziali maggiori sono: energia e petroli (3,0%), gomma, plastica e lavorazione minerali non metalliferi (2,8%) e metalmeccanica (2,7%). Si registrano variazioni nulle in tutti i comparti della pubblica amministrazione.

Alla fine del mese scorso, la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è del 41,8% nel totale dell'economia e del 24,8% nel settore privato. L'attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 49,1 mesi per l'insieme dei dipendenti e di 31,6 mesi per quelli del settore privato.

Nessun commento:

Posta un commento