venerdì 5 giugno 2015

Mafia Capitale, Rodotà: «Siamo di fronte a un doppio stato con poteri extralegali»

Mafia Capitale, Rodotà: «Siamo di fronte a un doppio stato con poteri extralegali»

Intervista. «Il doppio stato oggi è un modo consolidato di gestire il potere. Lo abbiamo visto all'opera all'Expo, al Mose, e in altre città. L'illegalità non è un fenomeno marginale, è centrale nella vita dello Stato»
 
Stefano Rodotà
«Davanti ai nostri occhi si è aperto un abisso che la parola cor­ru­zione descrive solo par­zial­mente – afferma Ste­fano Rodotà – Mafia Capi­tale con­ferma l’esistenza di un sistema paral­lelo che per­mette solo ai poteri cri­mi­nali di approv­vi­gio­narsi alle risorse pub­bli­che per lucrare sugli immi­grati, sui rom, su tutti coloro che andreb­bero tute­lati con la soli­da­rietà pub­blica e civile. La soli­da­rietà si è capo­volta in un’opportunità di arric­chi­mento di un ceto che eser­cita poteri extra­le­gali o del tutto extralegali».
Come defi­nire que­sto sistema paral­lelo alla poli­tica “isti­tu­zio­nale”?
Quando sco­primmo la P2 venne coniata l’espressione “Dop­pio stato”. A qual­cuno sem­brò un’espressione senza fon­da­mento. I dati di fatto anda­vano invece in que­sta dire­zione. Mafia Capi­tale ci mette di fronte ad un dop­pio stato. E que­sto non è avve­nuto solo a Roma. Il dop­pio stato oggi è un modo con­so­li­dato di gestire lo stato. Lo abbiamo visto all’opera all’Expo, al Mose, e in altre città. L’illegalità non è un feno­meno mar­gi­nale, è cen­trale nella vita dello Stato.
La sua è una visione inquie­tante, pro­fes­sor Rodotà, evoca tra l’altro gli aspetti più cupi della Prima Repub­blica. Non sta esa­ge­rando? 
No, non lo credo affatto. Siamo di fronte ad una moda­lità isti­tu­zio­nale di gestione del potere paral­lela alla quella del potere uffi­ciale che ha finito per sovra­starla. Se misu­riamo il rap­porto tra il potere, le isti­tu­zioni e i cit­ta­dini con il metro tra­di­zio­nale oggi non siamo più in con­di­zione di descri­verlo. Il metro di giu­di­zio è affi­dato al sistema paral­lelo. Que­sto rove­scia­mento è inquietante.
Il pre­si­dente del Pd Orfini ha evo­cato i ser­vizi segreti e si chiede per­ché non sono inter­ve­nuti per fer­mare Car­mi­nati. 
Sono sem­pre stato ostile alla logica delle devia­zioni. In Ita­lia abbiamo avuto la prova pro­vata che i ser­vizi hanno fian­cheg­giato feno­meni ever­sivi. Quelli erano un pezzo del dop­pio stato. In que­sto caso non mi sem­bra che ci sia una devia­zione rispetto ad una nor­ma­lità demo­cra­tica. Sta invece emer­gendo un vero e pro­prio sistema di governo.
Qual è la dif­fe­renza tra Mafia Capi­tale e Mani pulite?
Allora si diceva la cor­ru­zione che fosse fun­zio­nale all’attività di par­tito, e non ai sin­goli. Ammesso che que­sta spie­ga­zione fosse giu­sti­fi­cata, ciò che accade oggi dimo­stra che quel metodo è pro­se­guito indi­pen­den­te­mente dai par­titi. Oggi esi­ste una società che ha pro­dotto un auto­nomo sistema di «governo» che fa uso pri­vato delle risorse pub­bli­che, sfrutta le per­sone e arriva a schia­viz­zarle. In Ita­lia ci sono per­sone sono ridotte a oggetti pro­dut­tivi di uti­lità per chi eser­cita un potere ammi­ni­stra­tivo, impren­di­to­riale, maschile.
Que­sto sistema si è coa­gu­lato per sfrut­tare la nuda vita dei migranti. I diritti esi­stono solo se sono mone­tiz­za­bili?
È il lato più ter­ri­bile di que­sta vicenda. I diritti non ven­gono impu­gnati per creare un’organizzazione sociale e pra­ti­care la soli­da­rietà, ma sono lo stru­mento che riduce i migranti ad oggetti per spre­merli al fine di un pro­fitto per­so­nale. Que­sta tor­sione fini­sce per scre­di­tare i diritti. Que­sta catena dev’essere spezzata.
Quali sono gli effetti di que­sta situa­zione sui cit­ta­dini?
Un distacco dram­ma­tico rispetto alle isti­tu­zioni e ad un potere che si è fatto oscuro e minac­cioso. L’effetto più visi­bile è quello dell’astensione dal voto alle ultime ele­zioni regio­nali che resta a mio avviso la chiave più signi­fi­ca­tiva per inter­pre­tarlo. Il fatto che si rinun­cia al voto deriva dalla con­sta­ta­zione che gli enti locali sono impo­tenti ad affron­tare i pro­blemi dei tra­sporti o il sociale. Ma credo che il distacco derivi fon­da­men­tal­mente dal fatto che esi­ste un sistema paral­lelo che affianca quello isti­tu­zio­nale e poi se lo man­gia pezzo per pezzo. Que­sta espro­pria­zione della demo­cra­zia è diven­tata un ele­mento costi­tuivo del sistema.
LEGGI ANCHE

POLITICA
Roma comprata e venduta
I profili criminali della banda del Nero e la complicità del Rosso per fare affari con immigrati e spazzatura, case e appalti. Ma il tandem Carminati-Buzzi ha trovato il terreno fertile, arato e concimato dai partiti e dall’amministrazione. Consiglieri, cooperative e un fiume di denaro per corrompere. A novembre il processo, si chiarirà anche il reato di mafia
— Andrea Colombo


COMMENTI
Il marcio è nel sistema degli appalti
— Paolo Berdini


POLITICA
Il Pd travolto si difende
Matte Orfini «blinda» Marino e Zingaretti: «Baluardi della legalità». Vertice del partito al Nazareno. Col timore che non sia finita qui la bufera giudiziaria sui dem
— Eleonora Martini


EDITORIALE
La politica resiste al proprio declino
— Sandro Medici


POLITICA
Le «faccette nere» sedute alla grande nel secondo banchetto
— Andrea Colombo


POLITICA
Il cara di Mineo, Odevaine e il «bando blindato»
Al telefono l’uomo, il multitasking del sociale che accumulava incarichi e compensi, spiegava la rete fra Alfano, Lupi e Comunione e liberazione.
— Daniela Preziosi


L'INTERVISTA
Mafia Capitale, Rodotà: «Siamo di fronte a un doppio stato con poteri extralegali»
«Il doppio stato oggi è un modo consolidato di gestire il potere. Lo abbiamo visto all'opera all'Expo, al Mose, e in altre città. L'illegalità non è un fenomeno marginale, è centrale nella vita dello Stato»
— Roberto Ciccarelli


POLITICA
Intercettazioni: «La mucca per essere munta deve mangiare»
— Redazione


POLITICA
Migliore: «Un sistema di accoglienza che favorisce la corruzione»
Gennaro Migliore, presidente della commissione parlamentare di inchiesta sui centri per i migranti
— Carlo Lania


ITALIA
Il gruppo La Cascina nel business della gestione dei migranti
Nell'ambito del secondo round dell'inchiesta Mafia Capitale, arrestati quattro manager di una cooperativa "bianca" vicina a Comunione e Liberazione. Secondo la procura di Roma, avrebbero pagato un funzionario che lavorava al Viminale per ottenere una quota di migranti da gestire nelle loro strutture
— Luca Fazio

Nessun commento:

Posta un commento