domenica 20 settembre 2015

Cassa integrazione: il governo fa festa, ma il dato è falso

Cassa integrazione: il governo fa festa, ma il dato è falso (CARLO DI FOGGIA E MARCO PALOMBI)

polettiDura realtà Ad agosto la Cig cala, però nei numeri Inps mancano 49 province su 110. E sull’occupazione, il Def ammette: “Dati modesti”.

Da quando a Palazzo Chigi siede Matteo Renzi, la realtà si è sdoppiata: c’è l’esistente e lo storytelling, cioè la narrazione della realtà. E sui numeri del lavoro, le due cose non combaciano mai. Prendiamo i dati sulla Cassa integrazione (Cig) di Agosto comunicati venerdì dall’Inps. La narrazione: “Inps: ad agosto Cig -41,7% su agosto 2014, -6,3% su mese precedente #Italiariparte #lavoltabuona”, twitta il responsabile comunicazione di Palazzo Chigi, subito condiviso dal premier. “Corrisponde a più di 100 mila lavoratori tornati a lavorare”, esulta il ministro del Lavoro Giuliano Poletti.
“Quando il segno meno è una #goodnews. È proprio #lavoltabuona”, gli fa eco Lorenzo Guerini, vicesegretario Pd. E via così, intasando le agenzie.   LA REALTÀ: per l’Inps ad agosto 2015 sono state autorizzate 39,3 milioni di ore di Cig,-41,7 % rispetto ad agosto 2014 e – coi dati destagionalizzati per la ordinaria e straordinaria – in calo del 6,3% rispetto al mese prima. La Uil ha fatto però notare un dettaglio non da poco: nelle tabelle Inps di agosto in 49 province – il 44,5% delle 110 province italiane – risultano autorizzate “zero ore” di Cig ordinaria: “0 ore” a Brescia, la più industrializzata d’Italia, zero ad Alessandria, Modena, Parma, etc.  “Non è tecnicamente possibile   – spiega al Fatto Guglielmo Loy, segretario confederale Uil-che in quelle zone nessuna azienda ne abbia avuto bisogno: il governo deve chiarire i dati”. Premessa: a differenza di quella in deroga, la Cig ordinaria non ha problemi di risorse: è finanziata dai lavoratori e autorizzata dal ministero del Lavoro . Ad agosto, semplicemente molte commissioni provinciali, come quella di Milano,non si sono riunite, e quindi le ore vengono contabilizzate a settembre.Quando potrebbe quindi verificarsi un balzo. E infatti il calo ad agosto è molto accentuato dacché esiste la Cig: succede tutti gli anni. L’Inps spiega al Fatto che farà “una verifica accurata sui dati amministrativi”, ma questa circostanza non è nuova: si è già verificata nell’agosto 2014. Anche quella volta “saltò” lo stesso numero di province (ma solo 16 sono le stesse del 2015:Brescia non c’è,per dire). Come è possibile fare un confronto simile? L’Inps si riserba di verificare, ma spiega che opera il confronto sul volume complessivo delle ore. Per di più nell’ultimo comunicato tre province – Crotone, Vibo Valentia e Nuoro – sono letteralmente scomparse: “Fare un confronto su agosto non ha senso – spiega una fonte interna all’Inps – È un mese con numeri molto bassi,un’oscillazione minima produce percentuali enormi”. I dati, si legge nel comunicato, sono“destagionalizzati”,ma a luglio solo una provincia segna zero nella casella delle ore autorizzate, non si capisce come si possa confrontarlo con agosto, quando ce ne sono 49.   In realtà non sono solo i numeri della Cig a lasciare perplessi, ma pure quelli che il governo scrive sul lavoro nell’aggiornamento del Def, che brillano invece per prudenza e sincerità. Premessa: il Quantitative easing della Bce e la congiuntura internazionale stanno spingendo il Pil e, di conseguenza,l’occupazione:“L’elevata reattività dell’occupazione al Pil è spiegata, almeno in parte, dal fisiologico recupero della domanda di lavoro dopo una prolungata recessione e sembra essere associata a una maggiore flessibilità dei salari e a una più elevata efficienza del mercato lavoro”. Tradotto: c’è un rimbalzo dopo la recessione e , soprattutto, stipendi piùbassi(“flessibilitàdeisalari”)e emigrazione (“efficienza”). “In particolare – scrive il governo – le retribuzioni di fatto per Ula (unità di lavoro a tempo pieno) hanno avuto un incremento cumulato dal 2008 al 2015 solo del 12,8%,afronte di un aumento complessivo dei prezzi del 13,7%”(cioè gli aumenti non hanno coperto nemmeno l’inflazione).
Articolo intero su Il Fatto Quotidiano del 20/09/2015.

Nessun commento:

Posta un commento