lunedì 21 settembre 2015

L’AMACA del 20/09/2015

L’AMACA del 20/09/2015 (Michele Serra)

IN seguito a beghe sull’immigrazione, Matteo Salvini ha lanciato l’hashtag #grillocomerenzi. Sempre su Twitter, in precedenza Grillo aveva attaccato Salvini, “la Lega ti frega”. Diciamo che tra i comizi interminabili e tromboneschi della tradizione politica classica, che facevano addormentare, e gli urletti nevratili della neopolitica digitante, ridicoli nella forma indipendentemente dalla sostanza, per altro quasi mai percepibile, si rimane in attesa di una salubre via di mezzo. Che stia più o meno a metà tra le quaranta pagine del passato e i centoquaranta caratteri del presente. Nel frattempo, gli sviluppi potrebbero essere un hashtag di rappresaglia di Grillo, #salvinicomerenzi. Seguita da una sagace intromissione di Renzi, #salvinicomegrillo oppure, a scelta, #grillocomesalvini.
Da non escludere un quarto incomodo che per accreditare la sua leadership concepisca l’hashtag #renzicomegrillocomesalvini, nelle varie sistemazioni (rgs, rsg, grs, gsr, srg, sgr), in modo da liquidare il quadro politico quasi per intero. A causa della estrema frantumazione del paesaggio partitico italiano, e della conseguente proliferazione dei leader, anche volendo tenere conto solamente dei segretari di partito non è possibile, invece, riuscire a contenere nei 140 fatidici caratteri l’hashtag #salvinicomegrillocomerenzicomevendolacomealfanocomemeloni eccetera. Un recente studio della Normale di Pisa calcola in quasi tremila le battute necessarie per indicare i nomi di tutti i leader.
Da La Repubblica del 21/09/2015.

Nessun commento:

Posta un commento