lunedì 7 settembre 2015

Ma mi faccia il piacere

da contro*corrente

Ma mi faccia il piacere – Marco Travaglio 7-9-2015

Posted: 7th settembre 2015 by themeticulous in Senza categoria
ma mi faccia
Funeral Party. “Segnatevi questa data: 16 dicembre. Sarà il funerale della tassa sulla casa”(Matteo Renzi, Pd, presidente del Consiglio, 2.9). Con la carrozza nera trainata da sei cavalli, la banda che suona l’inno di Forza Italia e l’elicottero che lancia banconote segnate di piccolo taglio.
Buona la prima. “Il Berlusconi prima maniera parlava di cose che interessavano gli italiani, ora non fa altro che parlare di Italicum” (Renzi, 2.9). In effetti, una volta parlava con Dell’Utri, Mangano, Previti, Squillante, Gelli e Craxi di cose molto interessanti. Poi arrivò Renzi con l’Italicum, e lo rese noioso.
Inesitate. “Roma, Parigi e Berlino, regia comune per superare Dublino: patto a tre e lettera alla Mogherini” (Corriere della sera, 3.9). La missiva in triplice copia è subito tornata al mittente, col timbro: “Destinatario inesistente”.
Maglie larghe. “Scrive Pietrangelo Buttafuoco che i fallaciani non leggono, brandiscono. Vero, ma il re delle pippe sull’Islam resta lui, oh yeah” (Maria Giovanna Maglie, Twitter, 4-9). Se l’alternativa è la Maglie, diventano comprensibili persino le pippe sull’Islam.
Il bacio della morte. “Se si votasse oggi, il Pd sarebbe il primo partito con il 32%, ma se si alleasse con l’Ncd di Alfano scenderebbe al 28% e verrebbe scavalcato dai 5Stelle al 29 (sondaggio dell’Istituto Piepoli, 2.9). Quando si dice il valore aggiunto.
L’ultima minaccia. “Alfano e l’amnistia: la pena va scontata tutta” (Corriere della sera, 3.9). Ormai è ufficiale: ha deciso di liberarsi dell’intera Ncd.
Smaronate/1. “L’invasione di migranti? Un disegno della sinistra per poi regalargli il voto” (Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia, il Giornale, 3.9). Uahahahahahahah.
È una parola. “Alfano: libertà di coscienza a Ncd sulle unioni civili” (l’Unità , 3.9). Tanto sa che non ne hanno una.
Niente adozioni. “Unioni civili, Alfano: ‘Rimaniamo contrari all’adozione dei figli’” (Corriere della sera, 3.9). In effetti quei poveri orfanelli sono già stati abbastanza sfortunati: rifilarli a genitori dell’Ncd sarebbe troppo.
Il Presilente della Repubblica.“I silenzi eloquenti di un presidente. Superati i primi 6 mesi al Quirinale di Mattarella. Il ruolo di arbitro e la ricerca di un ritorno alla normalità istituzionale”(Corriere della sera, 3.9). Per la verità, il Corriere ci aveva assicurato per nove anni che la normalità istituzionale era quell’altro che non stava mai zitto un minuto. Comunque il successore è in coma, però vigile. Pare che dorma.
Expoballe2015. “Giuseppe Sala candidato del Pd a sindaco di Milano? Mi piacerebbe moltissimo, ma fino al 31 ottobre lasciamolo lavorare” (Matteo Renzi, Corriere della sera, 3.9). Racconta quasi tante balle quanto me. Gli manca poco per battere il mio primato mondiale: ancora un piccolo sforzo, e il posto è suo.
Buongiorno tristezza. “Che effetto le fa vedere quasi tutti i suoi collaboratori di un tempo schierati con Renzi? Rondolino, Velardi, Latorre, Orfini…”. “Mi fa un certo effetto di tristezza. Colpisce la solerzia con cui alcuni si impegnano nelle polemiche contro di me. Anche questo appartiene al metodo staliniano: far attaccare i reprobi dai vecchi amici, dai familiari” (Massimo D’Alema intervistato da Aldo Cazzullo, Corriere della sera, 3.9). O forse al metodo italiano: leccare il culo al padrone del momento.
Eurodeliri. “Nessuna lezione da questa Europa” (titolo dell’Unità contro l’Ue che ha osato ricordare a Renzi come l’abolizione della tassa sulla prima casa sia difficilmente compatibile con gli impegni assunti dal suo governo, 3.9). Vista la crisi di vendite, l’Unità si affida alla più sicura direzione di Sallusti e Belpietro.
Treno in mare. “È un giro di boa. Ecco come l’Italia può diventare una locomotiva d’Europa” (l’Unità, 2.9). Di Trenitalia, però.
Hillary Rubacuori. “Nelle mail di Hillary spunta anche Berlusconi” (La Stampa, 2.9). La chiamava “la zia di Mubarak”.

Nessun commento:

Posta un commento