lunedì 14 settembre 2015

Migranti, vertice a Bruxelles su quote. Accordo su uso della forza contro trafficanti

da repubblica.it

Migranti, vertice a Bruxelles su quote. Accordo su uso della forza contro trafficanti

Migranti, vertice a Bruxelles su quote. Accordo su uso della forza contro trafficanti
Migranti al confine con la Macedonia (afp)
Riprende il traffico ferroviario tra Germania e Austria. Lunghe code al confine. Merkel: "Le frontiere non sono chiuse"
BERLINO - È il giorno della riunione dei ministri dell'Interno dell'Ue a Bruxelles sulla questione dell'immigrazione. Mentre l'emergenza non si ferma e anche l'Austria, come la Germania, reintrondurrà controlli al confine con l'Ungheria, nel tentativo di gestire l'afflusso di rifugiati, sul tavolo della Ue c'è ancora una volta la questione della distribuzione dei profughi in arrivo in Europa. Nodo da sciogliere con urgenza è quello relativo alle quote per smistare i richiedenti asilo in tutta l'Unione.  Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia si oppongono, insieme alla Polonia, alle quote obbligatorie. La bozza circolata finora contempla 'flessibilità' nella distribuzione e un numero di 120mila profughi e non 160mila come in un primo tempo ipotizzato, proprio per convincere gli Stati contrari ad ammorbidire le proprie posizioni.

Intanto sono ripresi questa mattina i collegamenti ferroviari tra la Germania e l'Austria dopo la sospensione decisa ieri nell'ambito delle misure di emergenza alle frontiere imposte da Berlino nel tentativo di arginare la marea di rifugiati che entrano nel paese. Un portavoce della società ferroviaria tedesca Deutsche Bahn AG (DB) ha reso noto che i treni hanno iniziato a partire alle 7 del mattino, ad eccezione del tratto tra la città austriaca di Salisburgo e Monaco di Baviera nel sud della Germania per la presenza di migranti lungo i binari.

Il portavoce di Angela Merkel ha ribadito ancora una volta che la Germania non chiude le frontiere ai richiedenti asilo: "I controlli temporanei -ha affermato Steffen Seibert nel corso di una conferenza stampa- non sono la stessa cosa di una chiusura delle frontiere. I rifugiati continueranno a venire in Germania e speriamo che ciò avvenga nel solo di un processo ordinato".

IL LIVEBLOG DELLA CRISI
    • Bruxelles: vertice dei ministri dell'Interno su quote accoglienza
    • Accordo Ue per uso forza contro trafficanti
    • Germania riapre i collegamenti ferroviari

Nessun commento:

Posta un commento