mercoledì 16 settembre 2015

Papa Francesco: "Donna tentatrice è luogo comune"

da repubblica.it

Papa Francesco: "Donna tentatrice è luogo comune"

Bergoglio: "Famiglie combattano la subordinazione dell'etica alla logica del profitto"
Papa Francesco: "Donna tentatrice è luogo comune"
Papa Francesca (ansa)
CITTA' DEL VATICANO -"Esistono molti luoghi comuni, alcuni anche offensivi, sulla donna tentatrice, invece c'è spazio per una teologia della donna che sia all'altezza di questa generazione di Dio". Lo ha detto il Papa, dopo aver affermato che "la donna, ogni donna, porta una segreta e speciale benedizione per la difesa della sua creatura dal maligno, come la donna dell'Apocalisse che corre a difendere il figlio dal drago e lo protegge".

"Il mondo creato è affidato all'uomo e alla donna: quello che accade tra loro dà l'impronta a tutto", ha detto Bergoglio concludendo un ciclo di catechesi sulla famiglia. "Cristo è nato da una
donna - ha aggiunto il Papa durante l'udienza in Piazza San Pietro - "e questa è la creazione di Dio sulle nostre piaghe, sui nostri peccati, ci ama come siamo e vuole portarci avanti con questo progetto, e la donna è la più forte nel portare avanti questo progetto".

"La famiglia ci salva da tanti attacchi, distruzioni e colonizzazioni, come quella del denaro o quelle ideologiche che minacciano il mondo", ha detto Francesco, "la famiglia - ha affermato - è la base per difendersi" e contrastare quanti "dispongono di mezzi ingenti e di un appoggio mediatico enorme".

Secondo Bergoglio, "l'attuale passaggio di civiltà appare segnato dagli effetti a lungo termine di una società amministrata dalla tecnocrazia economica" e dunque il nemico da combattere è "la subordinazione dell'etica alla logica del profitto". "In questo scenario - ha scandito -  una nuova alleanza dell'uomo e della donna deve ritornare ad orientare la politica, l'economia e la convivenza civile! Essa decide l'abitabilità della terra, la trasmissione del sentimento della vita, i legami della memoria e della speranza". "La famiglia ci salva dalla colonizzazione del denaro", ha poi aggiunto.

"Di questa alleanza - ha continuato - la comunità coniugale-famigliare dell'uomo e della donna è la grammatica generativa, il 'nodo d'oro', potremmo dire. La fede la attinge dalla sapienza della creazione di Dio: che ha affidato alla famiglia non la cura di un'intimità fine a sè stessa, bensì l'emozionante progetto di rendere domestico il mondo".

Nessun commento:

Posta un commento