sabato 14 novembre 2015

Ecatombe a Parigi, più di 140 morti in diversi attentati

da il manifesto
EUROPA

Ecatombe a Parigi, più di 140 morti in diversi attentati

Francia. Ecatombe a Parigi a poche settimane dalle elezioni amministrative e dalla conferenza mondiale sul clima dell'Onu COP21. Diversi attacchi simultanei nella capitale francese. Oltre 140 le vittime. Hollande decreta lo stato d'emergenza e la chiusura delle frontiere

 
Personale sanitario e vittime fuori dal ristorante di Parigi 
PARIGI
Un attacco simultaneo, in vari punti di Parigi, almeno 5–6 siti. Era quello che si temeva, a qualche settimana dalla grande conferenza Onu sul cima, Cop21.
Almeno 18 morti, secondo un primo bilancio, ma alle 23 l’Afp parla ormai di 30 morti, probabilmente 45, più di 60 feriti gravi.
Il ministero degli Interni non dà cifre alle 23 e parla di “bilancio estremamente pesante”.
François Hollande ha annunciato poco prima di mezzanotte lo stato di emergenza su “tutto il territorio” e la chiusura delle frontiere.
Hollande ha parlato, con grande emozione, mentre “un assalto” era ancora in luogo al Bataclan di Parigi, un locale notturno dove ieri sera era ancora in corso una presa di ostaggi. “I terroristi vogliono farci paura”, ha detto Hollande, ma ci vuole “sangue freddo, unità e solidarierà”.
Oggi, sabato, scuole e università chiuse. “Mentre vi parlo”, ha detto Hollande, “ci sono attacchi sena precedenti nella regione di Parigi”, in “momenti cosi’ difficili”, ha precisato, dobbiamo dar prova “di unità” e che ognuno dia “prova di responsabilità”: “di fronte alla paura” la Francia deve “reagire”.
C’è stato un attacco allo Stade de France, dove aveva luogo una partita amichevole di calcio Francia-Germania e anche a Saint-Denis, non lontano dallo stadio, dove sono state sentite delle fucilate.
Più o meno contemporaneamente, ci sono state dei colpi di arma da fuoco, vicino a place de la République, evacuata dopo poco le 23, nel 10° arrondissement, nelle vicinanze di un ristorante, Le Petit Cambodge, rue Bichat, poi al Bataclan, un locale notturno, dove ancora ieri sera tardi c’erano degli ostaggi, sembra una sessantina di persone all’interno e dei testimoni parlano di “vari corpi per terra”.
Attacchi non lontani dalla sede di Charlie Hebdo, vittima dell’attacco di gennaio.
François Hollande, che era allo Stade de France, è stato evacuato in fretta e furia. Hollande, il primo ministro Manuel Valls e il ministro degli Interni, Bernard Cazeneuve, si sono riuniti in emergenza a Place Beauveau.
A mezzanotte è previsto un Consiglio dei ministri straordinario, il Piano Rosso Anti-attentati è stato messo in atto. Nella notte è previsto un discorso al paese di Hollande. Alcuni testimoni affermano di aver sentito, da parte degli attentatori, riferimenti alla Siria (dove la Francia interviene da poco) e degli “allah akbar”.
Obama ha affermato che gli Usa sono “pronti a dare tutto l’aiuto” alla Francia dove “l’umanità è stata attaccata”. Solidarietà alla Francia è arrivata da tutti i paesi europei, mentre gli attacchi, dopo mezzanotte, erano ancora in corso.
Le fucilate sono cominciate poco dopo le 21,30, in sette luoghi differenti.
Le autorità hanno chiesto ai parigini di restare a casa.
Cinque linee di métro sono state chiuse.
Un corpo dilaniato, allo Stade de France, fa pensare a un attacco suicida dove c’era la partita.
Al Bataclan, un testimone racconta che a metà concerto, un gruppo di 3–4 persone ha fatto irruzione con dei kalashnikov, prima hanno sparato in aria, poi verso il pubblico. Al Bataclan due terroristi o tre, secondo le ultime testimonianze, sono stati probabilmente uccisi. Degli agenti sono riusciti, prima dell’assalto, a far uscire degli ostaggi.
Le vittime all’interno del teatro sono almeno un centinaio. Hollande si è recato sul luogo della strage pochi minuti dopo il blitz.
Altri terroristi, all’una di notte, erano ancora in fuga nel centro di Parigi. Uno sarebbe arrestato intorno all’1.30 dalla polizia e si sarebbe dichiarato militante dell’Isis.

–> SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SUL SITO DEL MANIFESTO

Nessun commento:

Posta un commento