martedì 1 dicembre 2015

DANTE, MANZONI E VESPA CONTRO IL TERRORISMO

DANTE, MANZONI E VESPA CONTRO IL TERRORISMO

“Ciò che è accaduto a Parigi – dice il presidente del Consiglio Matteo Renzi – ha segnato un salto di qualità nella battaglia culturale che stiamo vivendo. Immaginano il terrore, noi rispondiamo con la cultura”. ''Asciugate le lacrime, è il tempo di reagire. Non ci rassegneremo al terrore: si arrenderanno prima loro“. Insomma:  “La bellezza è più forte della barbarie. Faremo investimenti efficaci finalizzati a dare una risposta immediata alle esigenze strategiche e ai nostri militari non faremo mai mancare il nostro sostegno”.
Infatti, immediatamente, ha dato disposizioni al ministro della difesa Pinotti, per armare i nostri militari di Divina Commedia, Promessi sposi, Canzoniere, Decamerone, Zibaldone, De bello gallico, Nel nome della Rosa, Il pendolo di Foucault, Canne al vento, modellini dei monumenti italiani, riproduzioni dei quadri di Giotto, Cimabue, De Chirico, Piero della Francesca... da consegnare ai terroristi. Ha stabilito che il Principe di Machiavelli deve essere impiegato come manuale d' istruzione e ha deciso che l' opera omnia di Bruno Vespa sia l' arma segreta psicologica contro l' Isis. Una potente arma di distruzione di volontà. Vespa non addormenta, fulmina. 



Nessun commento:

Posta un commento