martedì 20 dicembre 2016

Le launeddas ritrovate: studio su tre strumenti di autore ignoto. Oggi un incontro a Cagliari

L'Associazione culturale Iscandula
in collaborazione con
la sezione di Neuroscienze e Antropologia dell'Università di Cagliari,
la Regione Autonoma della Sardegna 
e il Comune di Cagliari
 
presenta l’incontro
 
Le launeddas ritrovate:
studio su tre strumenti di autore ignoto
 Martedì 20 dicembre 2016 - ore 18.00 -
presso la sede dell’Associazione Iscandula 
in Via Azuni, 46
Cagliari

 
Ingresso libero

 
Una scoperta inattesa e una ricerca dettagliata a caccia dell’identità, della storia, e dei suoni di tre strumenti ritrovati. Si tratta di launeddas di autore ignoto – probabilmente costruite attorno agli anni Cinquanta - che appartengono alla collezione del Museo Sardo di Antropologia ed Etnografia dell'Università di Cagliari. Un tesoro nascosto rinvenuto dal presidente dell’Associazione IscandulaDante Olianas, durante una delle ricerche sulla musica tradizionale sarda, grazie ai suggerimenti del coordinatore del museo, il dottor Marco Melis
 
È nata così l’idea di scandagliare il loro passato con un esame scientifico a partire dalle loro caratteristiche tecniche. Il compito è stato affidato a due rinomati costruttori ed esperti di strumenti sardi: i maestri Luciano Montisci e Pitano Perra. Al loro fianco un team di tre giovani suonatori e costruttori - Gianluca Piras, Michele Deiana e Graziano Montisci – che hanno misurato, restaurato e reso di nuovo funzionanti gli strumenti. Nonché ne hanno riprodotto delle copie fedeli per ricrearne le sonorità. 

Ai risultati di questo importante lavoro è dedicato l’incontro di oggi 20 dicembrealle 18, a Cagliari presso la sede dell’Associazione, in via Azuni, 46. Gli interventi, destinati anche a semplici appassionati, saranno poi accompagnati dalle note della musica delle launeddas.


 
Il programma. In apertura il saluto di Emanuele Sanna, docente di Antropologia dell'Università di Cagliari e responsabile del Museo; a seguire Paolo Frau, assessore alla Cultura del Comune di Cagliari e Dante Olianas, presidente dell’associazione Iscandula. 
 
La parola passa quindi a Marco Melis, dottore di ricerca in Scienze Antropologiche, che illustrerà la storia e le rare collezioni conservate nel piccolo ma prezioso Museo dell'Università, spesso sconosciuto pure agli appassionati di etnografia. Dante Olianas racconterà come sono stati ritrovati gli strumenti e come è nato, e si è concretizzato, il progetto. Spazio quindi ai ricercatori: Michele Deiana, spiegherà l’analisi delle caratteristiche tecniche; parlerà poiGianluca Piras che ha misurato le tre launeddas (secondo i parametri utilizzati dall’antropologo danese Andreas Bentzon, uno degli studiosi più importanti della musica tradizionale sarda); e infine Graziano Montisci, che ha collaborato con Perra alla ricostruzione.

 
A seguire i maestri Luciano Montisci e Pitano Perra illustreranno le loro impressioni: la datazione, il probabile identikit dei costruttori, la qualità dello strumento, l'uso che ne è stato fatto e le problematiche emerse durante le sessioni di lavoro. Dalla teoria alla pratica: a seguire un concerto di launeddas in cui verranno utilizzati sia gli strumenti ritrovati, sia le copie ricostruite. Si esibiranno i suonatori Gianluca Piras, Michele Deiana e Graziano Montisci. In chiusura un buffet aperto a tutti a base di prodotti sardi.

L’Associazione Iscandula ringrazia "Bestimentas" per la collaborazione.

 
***
 
Info e contatti dell'Associazione Iscandula
E-mail: sisacandula@tiscali.it
tel.: 3482256594; sito: www.launeddas.it;
facebook: www.facebook.com/Iscandula?fref=ts

Nessun commento:

Posta un commento